Home Cultura Cultura Italia

A ferragosto aperti i luoghi culturali statali

0
CONDIVIDI
A ferragosto aperti i luoghi culturali statali
A ferragosto aperti i luoghi culturali statali

A ferragosto aperti i luoghi culturali statali. Oltre duecento tra musei e parchi archeologici nazionali aperti nel prossimo fine settimana.

A ferragosto aperti i luoghi culturali statali

Ferragosto, MiC: musei e parchi archeologici statali aperti
Oltre duecento i luoghi della cultura nazionali aperti nel prossimo fine settimana

Gran parte dei musei e dei parchi archeologici statali resteranno aperti nel fine settimana di Ferragosto.

Sarà una valida alternativa a turisti e visitatori che desiderino trascorrere alcune ore all’insegna della cultura in piena sicurezza.

Sono oltre duecento i luoghi della cultura statali visitabili il 14 e il 15 agosto:

dal misterioso incanto dell’affresco dell’Ultima Cena al Cenacolo Vinciano di Santa Maria delle Grazie di Milano;

alle maestose sale con i capolavori del manierismo e del barocco del Museo di Capodimonte a Napoli;

dai capolavori della pittura veneta – Bellini, Carpaccio, Tiepolo, Tiziano – alle Gallerie dell’Accademia di Venezia;

alle splendide rovine di Pompei, con i risultati dei nuovi scavi visibili nell’area del Termopolio;

dalla maestosità del Colosseo agli incanti rinascimentali di Villa Lante a Bagnaia e Palazzo Farnese a Caprarola;

dall’iconica plasticità dei Bronzi di Riace al Museo Nazionale Archeologico di Reggio Calabria;

agli affreschi di ispirazione dantesca all’Abazia di Pomposa a Codigoro.

Il calendario delle aperture è disponibile e in continuo aggiornamento all’indirizzo https://cultura.gov.it/evento/ferragosto2021.

Gli appuntamenti sono pubblicati in tempo reale a cura degli Istituti periferici del MiC.

A causa di possibili improvvise variazioni, si consiglia sempre di contattare i recapiti indicati nelle relative schede di dettaglio.

Dal 6 agosto 2021 all’ingresso dei musei è necessario esibire la Certificazione Verde, o “Green Pass”.

Questo insieme a un documento d’identità.

Resta obbligatorio l’uso della mascherina.