Home Cultura Cultura Savona

Albenga, presentato il progetto InfoArte a scuola di Fidapa

0
CONDIVIDI
Un momento della presentazione

All’Auditoriun San Carlo è stata presentata una interessante iniziativa della locale sezione FIDAPA (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari) legata ai Beni Culturali ed al mondo dell’ arte che ha visto coinvolti i maturandi dell’Istituto “Galileo Galilei” di Campochiesa.

Si tratta del progetto “ Infoarte a scuola” che si è reso possibile grazie alla collaborazione con l’ Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Albenga, il Comune di Albenga e la Fondazione Oddi di Albenga. Erano presenti Valeria Enrica Storchi, presidente FIDAPA BPW Sezione di Albenga, Giorgio Cangiano, sindaco di Albenga, Alessandro Colonna, presidente Fondazione Oddi, Simonetta Barile, preside dell’ Istituto Galilei di Campochiesa e del Liceo Bruno di Albenga, Alma Oleari, vicedirettore Beni Culturali Della Diocesi di Albenga- Imperia, Grazia Mura, presidente del Distretto Nord Ovest FIDAPA, Monsignor Ivo Raimondo Vicario Generale della Curia albenganese, il vice sindaco Riccardo Tomatis, gli assessori Paola Allaria e Simona Vespo, la presidente dell’ Associazione Vecchia Albenga Marisa Scola, il segretario provinciale dello SNALS Enzo Sabatini e numerosi rappresentanti di Comuni, Enti ed Associazioni del comprensorio ingauno.

Gli studenti hanno realizzato delle schede descrittive, che sono riconoscibili con il QRCode, relative alle opere d’arte più significative presenti ad Albenga all’interno della Cattedrale di San Michele e della Chiesa di Santa Maria in Fontibus.

“Grazie a questo codice QR – ha spiegato lo studente portavoce Alessandro Marinelli – sarà immediata e più facile la reperibilità di informazioni inerenti all’opera che l’utente sta osservando. Una volta che si leggerà con il cellulare il QRCODE sarà visualizzata una pagina Internet che conterrà tutte le informazioni inerenti all’opera”.

Un aiuto notevole dunque per coloro che visiteranno le due Chiese e che in questo modo, attraverso la pagina web, potranno usufruire di un documento digitale polifunzionale, in quanto avranno immediatamente la possibilità di collegamenti ipertestuali, di mostrare immagini e video.
CLAUDIO ALMANZI