Home Cultura Cultura Genova

20 giugno, giornata Mondiale del Rifugiato

0
CONDIVIDI
20 giugno, giornata Mondiale del Rifugiato
20 giugno, giornata Mondiale del Rifugiato

20 giugno, giornata Mondiale del Rifugiato

20 giugno, giornata Mondiale del Rifugiato, ancora vittime o testimoni di pregiudizi, questi i risultati del recente sondaggio U-Report On The Move

Per combattere gli stereotipi l’UNICEF lancia la campagna OPS! La tua Opinione, oltre ogni Pregiudizio, contro gli Stereotipi!

Secondo un recente sondaggio, quasi 8 migranti e rifugiati su 10 dichiarano di essere stati vittime o testimoni di pregiudizi;
Circa il 62% per il colore della pelle;
6 su 10 chiedono più educazione civica a scuola per combattere pregiudizi e stereotipi;
19 Giugno 2021 – Ancora tanti i giovani migranti e rifugiati che si dichiarano vittime o testimoni di pregiudizi e stereotipi. In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato – che si celebra il 20 giugno – l’UNICEF presenta i risultati di un sondaggio a cui hanno risposto adolescenti e giovani migranti e rifugiati in Italia e lancia la campagna OPS! La tua Opinione, oltre ogni Pregiudizio, contro gli Stereotipi!

Circa l’80% dei rispondenti al sondaggio dichiarano di essere stati vittime o testimoni di pregiudizi, il 62% attribuisce la causa al colore della pelle, alla lingua il 12%, alle condizioni di povertà il 10%.

È quanto emerge dal sondaggio condotto su U-Report On The Move, la piattaforma online lanciata dall’UNICEF nel 2017, pensata per dare voce ai minorenni arrivati soli nel nostro Paese.

I giovani hanno condiviso le sensazioni vissute a causa dei pregiudizi: oltre 7 su 10 affermano di avere provato tristezza, 4 su 10 si sono sentiti arrabbiati, tra i sentimenti anche solitudine e paura. Solo il 6% ha mostrato indifferenza nei confronti dei commenti negativi.

Giovani migranti e rifugiati dicono la loro anche sugli stereotipi più diffusi: per il 42% chi giudica li vede come malviventi, per il 15% chi punta il dito pensa parlino tutti male l’italiano, che hanno un basso livello di istruzione per il 10%.

Tra le soluzioni individuate per contrastare i pregiudizi e il razzismo, il 60% chiede più educazione civica a scuola, tra le altre ipotesi eventi di scambio culturale, incontri pubblici e maggiori occasioni di sensibilizzazione.

E per rispondere alle esigenze sollevate dal sondaggio e combattere facili pregiudizi, l’UNICEF lancia su U-Report On The Move la campagna OPS! – La tua Opinione, oltre ogni Pregiudizio, contro gli Stereotipi!

La campagna si aprirà con un contest su rivolto in questa fase a migranti e rifugiati per condividere – attraverso contributi originali – esperienze che li hanno visti protagonisti. Lo racconteranno attraverso video, foto, reel, illustrazioni, canzoni o articoli.

Il contest si chiuderà a settembre, con una seconda fase aperta anche ai coetanei italiani per il lancio di messaggi di contrasto ai pregiudizi. Seguirà un evento di restituzione pubblica dei risultati che premierà i migliori contributi proposti.

U-REPORT ON THE MOVE è stato lanciato in Italia nel 2017 pensato per giovani migranti e rifugiati in Italia.

La piattaforma, che conta oggi oltre 6300 iscritti, propone sondaggi che permettono di sondare bisogni e preoccupazioni di ragazze e ragazzi arrivati in Italia come minori stranieri non accompagnati.

Permette inoltre di ricevere informazioni su servizi sociali di base disponibili, leggi e regole esistenti, eventi e attività ricreative, e altre informazioni utili.

I risultati dei sondaggi possono essere visualizzati in tempo reale, sono condivisi con il gruppo di U-Reporters attraverso messaggi Facebook e Twitter e sul sito U-Report. Il servizio è gratuito.

Maggiori dettagli al link  https://onthemove.ureport.in/

A maggio è stato lanciato anche  U-Report  Italia, che si unisce alle piattaforme digitali sperimentate dall’UNICEF in  oltre 80 Paesi e che contano oggi più di 15 milioni di membri.

The information contained in this e-mail message is confidential and intended only for the use of the individual or entity named above. If you are not the intended recipient, please notify us immediately by telephone or e-mail and destroy this communication.

Due to the channel of transmission, we are not liable with respect to the confidentiality of the information contained in this e-mail message. Please, think of the environment before printing this message.