Home Cronaca Cronaca Italia

Val Ferret, emergenza per frana: la testimonianza di un genovese

0
CONDIVIDI
Val Ferret, emergenza idrica per frana: la testimonianza di un genovese
La frana in Val Ferret

La testimonianza di un genovese in vacanza

Emergenza idrica in Val Ferret dopo il danneggiamento dell’acquedotto in seguito ad una frana avvenuta il 5 agosto.

I detriti hanno colpito l’acquedotto che serve tutto il Comune: ancora oggi tre frazioni di La Palud, Entrèves e il Villair, risultano senz’acqua già da ieri. Anche Courmayeur è rimasta, ieri, senza acqua potabile.

Sono in tanti i genovesi che vivono le loro vacanze nella zona. Proprio da uno di loro sul posto, arrivano le notizie e le rassicurazioni.

“Si, abbiamo avuto qualche problema – ci spiega Sergio – dicono che c’è stata una frana. Abbiamo avuto qualche problema per l’acqua potabile, ma avevamo delle bottiglie. Ora sembra essere tutto rientrato, anche se continuiamo a fare bollire l’acqua del rubinetto ed arriva a tratti”.

Quattro persone sono state recuperate dopo l’esondazione della Dora, a Courmayeur per la frana.
Pietre, detriti e fango hanno occupato la strada che è stata chiusa e dichiarata inagibile.

I quattro erano rimasti intrappolati, a bordo di un quad e su una macchina, nella frana e sono state recuperati dai vigili del fuoco del distaccamento di Courmayeur e dal Soccorso alpino valdostano, intervenuto con l’elicottero.

Altre persone sono state evacuate e alcune sono isolate nelle case o negli alberghi in collina.

La massa di detriti ha colpito anche l’acquedotto: il servizio è stato interrotto su tutto il territorio comunale e ripristinato il giorno dopo, ad eccezione delle zone di Entrèves, del Villair e di La Palud.

A Courmayeur l’amministrazione comunale ha organizzato un servizio di rifornimento dell’acqua potabile che sarà distribuita, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 20, nei piazzali Grivel e Val Veny.

La fornitura è destinata esclusivamente ai privati cittadini. Son esclusi gli esercizi commerciali e le attività ricettive.

Inoltre, su tutto il territorio è necessario bollire e razionalizzare l’acqua.