Home Politica Politica Genova

Toti: nonostante Pd si bulli di arrivi, flussi di mascherine in Liguria insufficienti

0
CONDIVIDI
Il governatore ligure Giovanni Toti

“Nonostante qualche partito d’opposizione si bulli di arrivi, i flussi dallo Stato centrale alla Liguria sono insufficienti, anzi irrilevanti. Mi auguro che linee di rifornimento aumentino. Ci siamo mossi e stiamo costruendo una rete logistica di produzione ligure per diventare autosufficienti. Ringrazio i farmacisti sotto stress che ci hanno dato una grande mano, ringrazio i veterinari che corrono in aiuto”.

Lo ha dichiarato oggi il governatore ligure Giovanni Toti in merito alla situazione del numero dei dispositivi di protezione individuale (guanti, mascherine, etc.) nella nostra regione.

“Stiamo lavorando ininterrottamente – ha aggiunto Toti – per aumentare l’offerta ospedaliera. Ho visitato oggi l’ospedale San Martino di Genova, dove ci saranno ulteriori posti letto per terapie intensive e medio intensive.

Arriveremo a 140 terapie intensive nelle prossime settimane e saranno disponibili via via che il picco cresce, in attesa che presto smetta di crescere.

L’aumento dei posti letto ci consente anche a dare sostegno alla Lombardia. Domani potremo offrire tre terapie intensive.

Il bollettino non ci può lasciare sereni e siamo vicini a tutti coloro che soffrono per le persone decedute”.

I consiglieri regionali del Pd poco prima avevano annunciato che “sono in arrivo in Liguria, entro la giornata odierna, circa 100 mila mascherine inviate dalla Protezione civile nazionale e in particolare dalla struttura guidata dal commissario delegato per la gestione dell’emergenza coronavirus, Domenico Arcuri, che ringraziamo.

Sappiamo benissimo che il fabbisogno ligure è molto più ampio, ma crediamo che quest’intervento rappresenti un primo segnale positivo, che darà un po’ di ossigeno al comparto sanitario della nostra regione.

Vorremmo avere conferma del presidente Toti dell’arrivo di questa dotazione. Non meno importante è stabilire con trasparenza i criteri con cui verranno distribuite le mascherine”.