Home Spettacolo

Ritorno a Garlenda per le Fiat 500

0
CONDIVIDI
garlenda

Nel 1984 si svolgeva il primo Meeting della Fiat 500 storica a Garlenda. L’anno successivo, usciva nelle sale “Ritorno al futuro” (Back to the Future) diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Michael J. Fox e Christopher Lloyd, cui faranno seguito altre due pellicole con gli stessi interpreti e lo stesso tema, ovvero i viaggi nel tempo.
Che cos’hanno in comune la più celebre manifestazione dedicata alla mitica utilitaria e un film molto amato dal pubblico? Che quest’anno il raduno in programma da venerdì 1 a domenica 3 luglio sarà ispirato proprio all’opera cinematografica e lo slogan “Ritorno a Garlenda” vuole sottolineare la gioia dei cinquecentisti di ritrovarsi nella capitale mondiale del cinquino dopo lo stop dovuto alla pandemia.
La Fiat 500 (1957-1977) è per gli appassionati una autentica macchina del tempo: molti la posseggono sin da quando l’anno acquistata all’epoca come prima auto, altri l’hanno voluta ricomprare per rivivere le emozioni della gioventù e per tutti – dato anche il successo della “nipotina” del 2007 – è un felice esempio di come qualcosa che si è rivelato vincente nel passato possa attraversare diverse stagioni guardando al futuro con un’invidiabile freschezza.
Durante il 39° Meeting di Garlenda le 500 saranno come tante piccole DeLorean, l’iconica vettura usata nella trilogia cinematografica come mezzo per i balzi temporali (dal 1985 al 1955 e poi ancora al 2015 e 1885) e tutti potranno contribuire a ricreare l’atmosfera dei film, ripresa anche dalla grafica dell’evento – a cura di Francesco Mignano – e dal bellissimo diorama realizzato da Marco Palermo ed esposto al Museo “Dante Giacosa”. “Ritorno al futuro” sarà inoltre proiettato nella piazza di Borgata Ponte a Garlenda giovedì 30 giugno, giornata di prologo del Meeting che vedrà anche l’ormai consolidato aperitivo all’Ipercoop Le Serre di Albenga.
In che modo si può contribuire? Gli equipaggi sono già stati invitati ad allestire le vetture a tema e a scegliere un abbigliamento che possa rievocare i vari scenari della trilogia, ma sarebbe molto coinvolgente se anche il pubblico si lasciasse coinvolgere dall’atmosfera, che si preannuncia davvero densa di entusiasmo. Come nelle precedenti edizioni, sono attese diverse migliaia di visitatori, attirati dalla bellezza delle vetture, dagli intrattenimenti musicali e dall’enogastronomia presso gli stand della Pro Loco.
Per i cinquecentisti, invece, ci sarà il consueto programma ricco di escursioni sul territorio: da Ceriale ad Alassio, da Stellanello ad Albenga, dove domenica mattina – e questa è la grande novità – si terrà una suggestiva parata nel centro storico. Non mancheranno i momenti culturali, con approfondimenti sui 50 anni della versione R e la presentazione di due libri (“L’utilitaria della libertà” e “500 modellini di 500”), ma anche con la “Mostra delle Mostre” che riassume i primi quindici anni di attività del Museo della 500 e l’anticipazione dell’altro imperdibile appuntamento di questi giorni: l’inaugurazione della grande mostra al Museo dell’Automobile di Torino lunedì 4 luglio, seconda giornata mondiale della 500 storica.