Home Hi-Tech Hi-Tech Genova

Ritardi in autostrada? C’è il rimborso pedaggio automatico

0
CONDIVIDI
Ritardi in autostrada? C'è il rimborso automatico del pedaggio

Generali Italia e Telepass lanciano il servizio utilizzabile in caso di incidenti sulle tratte autostradali. Una soluzione data-driven e personalizzabile al servizio dei clienti.

Sei rimasto in autostrada fermo per ore? Se hai il  Telepass c’è il rimborso pedaggio automaticoQuesto è il progetto innovativo lanciato da Generali Italia e Telepass per il rimborso del pedaggio autostradale. Il programma è realizzato unendo le competenze tecnologiche Telepass alle competenze big data e analytics di Generali Italia.

Come funziona il servizio?

Quando ci sono gravi rallentamenti nella tratta autostradale dovuti a incidenti, tutti i clienti Telepass abilitati al nuovo servizio e che hanno il pacchetto Assistenza Stradale potranno ricevere un rimborso pari al 50% del valore del pedaggio. Il riaccredito sarà automatico sul conto Telepass, grazie alla elaborazione dei dati di transito dell’autoveicolo ed all’analisi di tutti gli eventi presenti sulla tratta autostradale. La cifra rimborsata sarà visualizzabile direttamente sulla app di Telepass. Il servizio è già attivo sugli oltre 200 mila clienti che negli anni hanno sottoscritto l’offerta Assistenza Stradale europea.

La partnership Generali Italia-Telepass.

Il servizio di rimborso automatico è solo la prima iniziativa di una partnership che mira all’innovazione tecnologica e che rende possibile anche l’applicazione di cashback, totalmente data-driven e a rimborso automatico grazie all’evoluto circuito di pagamento Telepass. Si vuole abituare l’utente ad un’esperienza smart, personalizzata e conveniente, a favore di una mobilità più sostenibile in Italia.

«Mobilità, contestualizzazione dell’offerta e pagamenti invisibili sono sempre stati gli ingredienti di Telepass  –  spiega Gabriele Benedetto, Chief Executive Officer del Gruppo Telepass  –  Il servizio di rimborso ritardi ci sembra una risposta tempestiva e rapida ad una esigenza reale degli utenti e ci auguriamo che le concessionarie italiane ci supportino nella diffusione massiva di questa nuova tecnologia. Oggi, grazie alla partnership con Generali Italia, abbiamo aggiunto l’esperienza che ci mancava nei prodotti assicurativi.

Insieme possiamo ora esplorare nuove frontiere nel mondo delle micro-assicurazioni legate ai dati di mobilità che raccogliamo grazie all’ecosistema dei servizi Telepass. Ristori per i ritardi in autostrada, prodotti chilometrici a consumo sono solo l’inizio di questo percorso. Già quest’estate con l’arrivo del nuovo Telepass Connesso (T-Next) saremo in grado di gestire attraverso un unico smart-device tutti i nostri servizi di mobilità integrati alle coperture di Generali Italia» Dichiarazione tratta da agenzia stampa specialistica nel settore. ABov