Home Sport Sport Savona

Pallanuoto, Final Six: Savona subito fuori

0
CONDIVIDI
Pallanuoto

Al via la Final Six del 99esimo campionato maschile di pallanuoto. Alla piscina Caldarella di Siracusa in acqua i quarti di finale. Fanno festa i padroni di casa del Circolo Canottieri Ortigia che battono 9-4 la RN Savona e tornano in una semifinale scudetto dal 1986 (erano i tempi di un giovanissimo Campagna). L’entusiasmo di 1000 spettatori sostiene Giacoppo e compagni e accompagna il successo di un match deciso dal break piazzato tra secondo e terzo parziale, quando i biancoverdi allungano sul +5 guardagnandosi le semifinali dove affronteranno i supercampioni della Pro Recco alla caccia del tredicesimo titolo consecutivo (sarebbe il trentaduesimo della storia).
Nell’altro quarto di finale Il Banco Bpm si impone d’autorità contro la Canottieri Napoli 13-4. Troppa la differenza tecnica tra le due squadre con i partenopei già privi dell’infortunato Lapenna e con Giorgetti fuori per tre falli gravi dopo due tempi. Il 7-1 a metà gara spiega il confronto subito in discesa per Figlioli (tripletta) e company. Sabato i mastini affronteranno l’AN Brescia (già battuta in campionato) nella seconda semifinale alle 18.30. Entrambe le partite sono state trasmesse da Waterpolo Channel, col commento di Ettore Miraglia e Francesco Postiglione. Semifinali in diretta su Rai Sport HD. Tutte le altre su WPC. Seguono tabellini, cronaca, programma ed albo d’oro.

CC Ortigia-RN Savona 9-4
CC Ortigia: Patricelli, Siani, Abela, Jelaca 1, Di Luciano 2, Lindhout 2, Tringali, Giacoppo 1, Vapenski 2, Casasola, Napolitano 1, Caruso, Rotondo. Coach Piccardo.
RN Savona: Soro, Novara, Damonte 1, Steardo 1, Bianco, Ravina, Piombo, Milakovic 1, Bianco, Colombo, De Freitas Gumaraes 1, Teleki, Missiroli. Coach Angelini.
Arbitri: Petronilli, Severo.
Note: parziali 2-2, 2-0, 4-1, 1-1.Spettatori 1000 circa. Superiorità numeriche: Ortigia 4/7, Savona 2/8. Nessuno uscito per limite di falli.

CRONACA. La difesa ligure stupisce col pressing l’attacco siracusano. Lindhout va fuori, ma due ottime parate di Caruso salvano i padroni di casa che passano sul capovolgimento: extraman per fallo grave di Piombo e Vapenski pennella col mancino l’1-0 dal perimetro. I biancoverdi, sostenuti dall’entusiasmo della Caldarella, raddoppiano in controfuga con un gran bel gesto di Di Luciano che se ne va sulla fascia, converge e spara sul secondo palo il 2-0. Gli ospiti sono sempre vivi e regiscono col brasiliano De Freitas che accorcia dal perimetro e poi pareggiano al secondo extraplayer col mancino Damonte che pizzica il sette sul primo palo (2-2).
Ancora una bella controfuga confezionata da Vapenski per Napolitano al centro apre il secondo tempo, per il 3-2 biancoverde. Savona sbaglia due superiorità numeriche e i padroni di casa passanno di nuovo: rete fotocopia di Di Luciano che vola sull’esterno e punisce Soro per il nuovo +2 che porta al cambio campo.
L’apertura di terzo tempo è sempre biancoverde: quarto extraman concesso, Lindhout non chiede permesso e insacca dopo una bella doppia finta (5-2). E’ il break giusto per la squadra di Piccardo, che chiama timeout sulla superiorità concessa per secondo fallo grave di Steardo, disegna lo schema vincente e trasforma di potenza col gigante Jelaca per il 6-2. La partita è vivacissima: l’altro croato Milakovic realizza il 3-6 a metà parziale, ma sul ribaltamento ancora l’olandese volante Lindhout fa doppietta prima dell’altra doppietta del manicno Vapenski che capitalizza la settima superiorità con una bomba da fuori e il balletto in acqua per il + 5 a otto minuti dal termine.
Nel quarto tempo Steardo in extraman prova a ricucire lo strappo, ma le velleità dei liguri si spengono col passere dei minuti. Il referto si chiude col 9-4 di capitan Giacoppo, che timbra dal perimetro una semifinale storica a 32 anni dall’ultima.

Banco BPM Sport Management-CC Napoli 13-4
Banco BPM Sport Management: Lazovic, E. Di So 1, Blary, Figlioli 3 (1 rigore), Fondelli 1, Petkovic 1, Drasovic 1, Gallo 1, Mirarchi 3, Luongo 2, Baraldi, Valentino, Nicosia. Coach Baldineti.
CC Napoli: Rossa, Buonocore, Del Basso, Confuorto, Giorgetti, Di Martire, Dolce, Campopiano 1, Lapenna, Velotto 1, Borrelli 2, Esposito, Vassallo. Coach Zizza.
Arbitri: Castagnola, Brasiliano.
Note: parziali 3-0, 4-1, 4-2, 2-1. Spettatori 200 circa. Giorgetti (C) uscito per limite di falli nel secondo tempo; Figlioli, Petkovic (S) ed Esposito (C) nel quarto tempo. Nicosia (S) in porta nel terzo tempo, Rossa (C) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Sport Management 4/8 + 1 rigore, CC Napoli 2/10.

CRONACA. La Canottieri fallisce subito due extraman, poi dopo il fallo grave di Giorgetti ecco Luongo che punisce Vassallo e insacca sul lato corto l’1-0. Il 5 napoletano commette addirittura secondo fallo grave, ma Figlioli spara sul portiere. I mastini aumentano i giri e segnano il raddoppio con il siracusano doc, Gallo, che di mancino si alza e tira sul secondo palo. Lo strappo continua sul terzo fallo di squadra dei giallorossi, che Luongo punisce dalla sua mattonella per il 3-0 e la doppietta personale.
Nel secondo pronti via e buca Fondelli, che elude la marcatura di Velotto dal perimetro e insacca con una bomba il 4-0. La Canottieri si impantana con solizioni al centro che la zona M chiamata da Baldineti neutralizza facilmente. Il fallo grave su Valentino vale il rigore di Figlioli del 5-0, prima del 6-0 di Mirarchi dal perimetro per il 3/6 in extraman. Il tempo si chiude con il settimo gol Di Figlioli (doppietta) in superiorità numerica (Giorgetti espulso per somma di falli) e la controfuga di Borrelli che sblocca dopo quasi sedici minuti i napoletani fino a quel momento troppo passivi (7-1).
Con la partita in discesa la Sport Mangement arrotonda in controfuga con Petkovic e Di Somma per il 9-1. La Canottieri fallisce anche il quinto extraman e i veneti passano con Mirarchi da sotto e Figlioli in controfuga per il +10 (11-1). Figlioli esce per secondo fallo grave e i giallorossi passano col capocannoniere Campopiano che col mancino piega le mani di Nicosia entrato al posto di Lazovic (11-2). Sul finale si sveglia anche il nazionale napoletano Velotto, che con una soluzione personale accorcia ancora sul 3-11.
Il quarto tempo si apre col terzo gol consecutivo dei napoletani targato Borrelli (doppietta), che da centrobia beffa il portiere romano e sfrutta l’ottava superiorità concessa dai veneti. I ritmi calano e ne approfittano ancora i mastini che nuotano più veloci e colpiscono la difesa lenta degli avversari per il primo gol del serbo Drasovic (12-4).

Venerdì 25 maggio – quarti di finale
3^-6^ Banco Bpm Sport Mangement-CC Napoli 13-4 su WP Channel
4^-5^ CC Ortigia-RN Savona 9-4 su WP Channel

Sabato 26 maggio
SS Lazio Nuoto-Reale Mutua Torino 81 Iren alle 14 / Semifinale playout su WP Channel
Bogliasco Bene-Pallanuoto Trieste alle 15.30 / Semifinale playout su WP Channel

Semfinali scudetto
Pro Recco-CC Ortigia alle 17 su Rai Sport + HD
AN Brescia-Banco Bpm Sport Management alle 18.30 su Rai Sport + HD

Finale 5° posto alle 20.00 su WP Channel
CC Napoli-RN Savona

Domenica 27 maggio
Finale 3° posto alle 13.00 su WP Channel
Finale playout salvezza alle 14.30 su WP Channel
Finale scudetto alle 16.00 su Rai Sport + HD

Albo d’oro: dal 1911/12 al 1914 Genova; non disputato fino al 1918; 1918/19 Genova, 1919/20 RN Milano, 1920/21 e 1921/22 Andrea Doria, 1922/23 Sportiva Sturla, dal 1924/25 al 1928 Andrea Doria, 1928/29 Triestina, 1929/30 e 1930/31 Andrea Doria, 1931/32 RN Milano, 1932/33 e 1933/34 RN Florentia, 1934/35 RN Camogli, dal 1935/36 al 1938 RN Florentia, 1938/39 RN Napoli, 1939/40 RN Florentia, 1940/41 e 1941/42 Guf RN Napoli, 1945/46 RN Camogli, 1946/47 Can. Olona, 1947/48 RN Florentia, 1948/49 e 1949/50 RN Napoli, 1950/51 Can. Napoli, 1951/52 e 1952/53 RN Camogli, 1953/54 Roma, 1954/55 RN Camogli, 1955/56 Lazio, 1956/57 RN Camogli, 1957/58 Can. Napoli, 1958/59 al 1962 Pro Recco, 1962/63 Canottieri Napoli, 1963/64 al 1972 Pro Recco, 1972/73 Can. Napoli, 1973/74 Pro Recco, 1974/75 Can. Napoli, 1975/76 RN Florentia, 1976/77 Can. Napoli, 1977/78 Pro Recco, 1978/79 Can. Napoli, 1979/80 RN Florentia, 1980/81 RN Bogliasco, dal 1981/82 al 1984 Pro Recco, 1984/85 e 1985/86 Posillipo, 1986/87 Pescara, 1987/88 e 1988/89 Posillipo, 1989/90 Canottieri Napoli, 1990/91 RN Savona, 1991/92 RN Savona, dal 1992/93 al 1996 Posillipo, 1996/97 e 1997/98 Pescara, 1998/99 Roma, 1999/2000 e 2000/01 Posillipo, 2001/02 Pro Recco, 2002/03 Brescia, 2003/04 Posillipo, 2004/05 RN Savona, dal 2006 al 2017 Pro Recco.