Home Cultura Cultura Italia

Moltissimi bimbi a richio nello Yemen

0
CONDIVIDI
Moltissimi bimbi a richio nello Yemen

Yemen, Save the Children, a rischio la vita di moltissimi bambini dopo le nuove designazioni nelle liste terroristiche da parte degli USA

Quasi 50.000 persone potrebbero presto trovarsi in “condizioni di carestia”, mentre più di 20.000 bambini sono già a rischio fame all’inizio del 2021. L’Organizzazione invita a non ripetere gli errori di 10 anni fa in Somalia e a dare la priorità ai bisogni umanitari

La crisi umanitaria in Yemen potrebbe aggravarsi nelle prossime settimane, mettendo migliaia di bambini a ulteriore rischio di fame e malattie, dopo che il governo degli Stati Uniti ha annunciato la sua decisione di designare nella lista delle organizzazioni terroristiche i gruppi che fanno capo ad Ansar Allah, che sono anche le autorità de facto nello Yemen settentrionale. Questa decisione potrebbe minacciare direttamente la fornitura di cibo, carburante e medicinali salvavita in Yemen, aggiungendo ostacoli alla risposta umanitaria e ostacolando gli sforzi per porre fine al conflitto, in un momento in cui – secondo i dati – milioni di persone nel Paese sono sempre più vicine alla carestia. Questa la posizione espressa da Save the Children, l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

“Gli attori umanitari da settimane avvertono che le conseguenze di questa decisione potrebbero essere catastrofiche per moltissimi bambini e per le loro famiglie che in Yemen sopravvivono a malapena “, ha detto Janti Soeripto, Presidente e CEO di Save the Children. “Se da un lato accogliamo con favore la decisione degli Stati Uniti di escludere dalle sanzioni alcune azioni umanitarie e alcuni beni commerciali critici come cibo e medicine, deve immediatamente essere chiarito come funzioneranno nella pratica queste esenzioni. E nonostante queste esenzioni, è necessario sottolineare che queste sanzioni potrebbero ancora creare gravi interruzioni per l’economia dello Yemen, che è già prossima al collasso, mettendo in pericolo molte famiglie vulnerabili”.

Con questa nuova politica, l’amministrazione Trump ha in pratica vietato alcune interazioni con le autorità de facto del Nord. Molti temono che le imprese, come le banche e chi si occupa di spedizioni, eviteranno di lavorare in Yemen per paura di violare la legge degli Stati Uniti, con conseguente carenza diffusa di cibo, carburante e medicinali essenziali.

Questa designazione arriva in un momento particolarmente allarmante della crisi in Yemen. Recenti dati pubblicati il mese scorso hanno mostrato che quasi 50.000 persone potrebbero presto trovarsi in “condizioni di carestia” in tutto lo Yemen. I dati mostrano anche che più di 20.000 bambini sono già a rischio fame all’inizio del 2021, anche senza la designazione da parte degli USA.

“Quasi dieci anni fa, il mondo ha assistito con orrore alla carestia in Somalia che ha causato più di 250.000 vittime. Quella carestia è stata aggravata dai ritardi negli aiuti derivanti dallo stesso tipo di politiche che non sono riuscite a dare la priorità ai bisogni umanitari. Dovremmo imparare dalla storia e non condannare i bambini yemeniti e le loro famiglie alla stessa sorte”, ha concluso Soeripto.