Home Cronaca Cronaca Genova

Maltempo, i dati Osservatorio Raffaelli nell’entroterra del Tigullio | Video e Foto

0
CONDIVIDI

L’Associazione Osservatorio Meteorologico Raffaelli in occasione del maltempo che ha interessato la Liguria dal 26 Ottobre al 1 Novembre, si è attivata svolgendo attività di monitoraggio per tutta la durata dell’evento.

In particolarem attraverso il gruppo interno all’Associazione di protezione civile, ha operato sul territorio comunale di Casarza Ligure come da convenzione.

“Abbiamo tenuto informato l’ente – spiega il presidente Monteverde – attraverso i canali del COC, Centro Operativo Comunale ed in stretto contatto con il Sindaco. L’operatività è stata garantita dal Caposquadra e Coordinatore del Gruppo Luca Ghizolfi, insieme a tre volontari divisi in turni di 6 ore.”

Oltre al monitoraggio strumentale e tecnico, i volontari sono intervenuti a rimuovere ostacoli al regolare deflusso delle acque presso tombinature, caditoie, cunette e a tagliare ramaglie che a causa delle precipitazioni si erano abbattute sulla sede stradale.

Sono stati anche ripristinati segnali stradali e transenne divelte dalle raffiche di vento.

L’Associazione, ha anche partecipato a diverse riunioni presso il COI, Centro Operativo Intercomunale, presso il Municipio di Sestri Levante. In queste occasioni Luca Ghizolfi, ha illustrato le informazioni su scala locale del meteo e i dettagli per le successive ore.

Nel mentre il Presidente dell’Associazione, Claudio Monteverde, ha fornito costanti aggiornamenti alla popolazione tramite i media locali o tramite i canali social tenendo aggiornati sull’evolversi della situazione alcuni comuni e altre associazioni di protezione civile.

In particolare ed in aggiunta a tale attività, una squadra di volontari dell’Osservatorio Raffaelli nella giornata di Domenica 28 e di Lunedì 29 si è recata nella vallata della Val Sturla e dell’Aveto per supportare direttamente le strutture locali di protezione civile.

Molta attenzione è stata riservata al Comune di Rezzoaglio dove, oltre a fornire il supporto tecnico e scientifico, è stato monitorato il fiume Aveto e i suoi affluenti, osservando i fenomeni al suolo e calcolando soglie idrogeologiche di innesco frane.

In Val d’Aveto, ed in particolare nel tratto del Passo della Forcella e Rezzoaglio e lungo la SP 23 della Scoglina nel tratto tra il Bivio di Parazzuolo e Favale di Malvaro, sono stati rimossi rami caduti al suolo e tronchi di alberi presenti sulla sede stradale. (Video e foto dell’Osservatorio Meteorologico Raffaelli).

Ecco alcuni dati di valori rilevati durante tutta la fase del maltempo dal 26 ottobre all’ 1 novembre 2018:

Santuario N.S. della Guardia di Velva in Comune di Castiglione Chiavarese – Quota 550m slm: 314,7 mm

Velva in Comune di Castiglione Chiavarese – Quota 420m slm: 282,6 mm

Mereta in Comune di Castiglione Chiavarese – Quota 325m slm: 266,4 mm

Castiglione Chiavarese – Quota 256m slm: 245,7 mm

Cardini in Comune di Casarza: 237,8 mm

Prato Sopralacroce in Comune di Borzonasca – Quota 570m slm: 524 mm

Castello di Carro in Comune di Carro (Sp) – Quota 540m slm: 247 mm

Cabanne in Comune di Rezzoaglio, lunedì 29 Ottobre Tra le Ore 20:00 – 22:00: Raffica di vento da SW DI 125 Km/h.