Home Politica Politica Genova

Mai: la sinistra ha riempito di centri commerciali la Liguria e ora non vuole concorrenza

0
CONDIVIDI
Capogruppo regionale Stefano Mai (Lega)

“La sinistra ha riempito di centri commerciali la Liguria e ora non vuole la concorrenza.

La grande distribuzione è ormai una realtà consolidata sui nostri territori e bisogna lavorare per rafforzare la sinergia con la piccola distribuzione affinché i negozi di vicinato, che vendono eccellenze spesso locali, non siano costretti a chiudere.

Ricordo che Regione Liguria ha adottato opportuni provvedimenti a tutela del commercio di prossimità e delle piccole imprese.

Inoltre, vogliamo aiutare i negozi nei piccoli Comuni costieri e nell’entroterra anche con una capillare sensibilizzazione all’acquisto di prodotti locali nei negozi di vicinato, supportando iniziative locali delle piccole-medie imprese finalizzate alla promozione e vendita diretta online ai cittadini dei propri prodotti, sensibilizzando le amministrazioni del territorio per la realizzazione di reti comunali, comprensoriali o di vallata tra i negozi di vicinato, chiedendo al Governo e alla UE forme di sostegno per evitare la loro chiusura e l’istituzione di una ‘web tax’ per i colossi commerciali al fine di riportare equilibrio ed equità nel mercato.

Non è tutto. Perché chiederemo di avviare un confronto, soprattutto a livello europeo, per un adeguamento della normativa del settore, che, senza disconoscere nella sostanza i criteri del libero mercato, ne regoli gli eccessi ed esalti il valore sociale e la qualità del commercio di prossimità, tutelandolo concretamente”.

Lo ha dichiarato stasera  il capogruppo regionale della Lega Stefano Mai.