Home Politica Politica Genova

Linea Condivisa: tutelare addetti servizi funebri. I morti possono contagiare i vivi?

0
CONDIVIDI
Gianni Pastorino, capogruppo regionale Linea Condivisa (foto repertorio fb)

“Il tasso di mortalità per Covid-19 in Liguria è più alto di quello dichiarato quotidianamente. C’è un problema di sicurezza e di diffusione puntuale delle informazioni, anche per tutelare i lavoratori dei servizi funebri, che ora si trovano a operare in condizioni di estrema incertezza circa la presenza o meno del contagio”.

Lo ha dichiarato oggi il capogruppo regionale Gianni Pastorino (Linea Condivisa).

Prof. Bassetti: torneremo a normalità tra qualche mese. Virus nell’aria difficile che infetti: il motore pandemico è ancora oggi rappresentato dagli starnuti e dalla tosse

“Ormai è evidente – ha aggiunto Pastorino – la discrepanza tra il numero di morti ufficiali per Covid-19 e il totale di decessi che la nostra regione sta registrando in queste settimane.

La questione ci preoccupa: ci torneremo nei prossimi giorni. Vorremmo ottenere una statistica reale sull’andamento e sugli esiti dell’epidemia.

In ogni caso, ci auguriamo che stavolta il presidente Toti ci risponda, anziché fare spot in televisione come accaduto sulla questione mascherine.

Perché ormai appare evidente, come annunciato da varie fonti giornalistiche, che le morti pongano interrogativi inquietanti. Checché ne dica A.Li.Sa., il tasso di mortalità per Covid-19 in Liguria è più alto di quello dichiarato quotidianamente.

C’è un problema di sicurezza e di diffusione puntuale delle informazioni, anche per tutelare i lavoratori dei servizi funebri, che ora si trovano a operare in condizioni di estrema incertezza circa la presenza o meno del contagio”.