Home Cronaca Cronaca Savona

La lucertola ocellata, in Liguria il rettile italiano di maggiori dimensioni

0
CONDIVIDI
Un lucertola ocellata (foto Ugo De Cresi)

Con la lucertola ocellata, la Liguria offre ai suoi visitatori naturalistici un museo a cielo aperto con la possibilità unica in tutto il territorio nazionale di osservare il Timon lepidus, una specie distribuita tra il primissimo entroterra savonese e le colline a ridosso del mare di Imperia e Sanremo.

Ce ne parla il naturalista Ugo de Cresi, spiegando che si tratta del rettile italiano di maggiori dimensioni con i maschi adulti che raggiungono, in media, 60 cm di lunghezza per 500 grammi di peso, dalla livrea di tonalità verde brillante con ocelli neri o blu.

Ugo de Cresi precisa che se è già raro vedere un esemplare, assistere ai violenti combattimenti tra maschi è un vero e proprio colpo di fortuna e la regola principale resta comune a tutte le specie di fauna selvatica: una presenza umana caratterizzata da un rigoroso silenzio.

La lucertola ocellata si nutre di insetti ma la dieta spazia dai coleottori ai micromammiferi, piccoli serpenti e anfibi. Si riproduce da marzo a giugno e dopo un trimestre di incubazione dalle uova nascono piccoli totalmente autonomi.

I momenti migliori per l’esplorazione, prosegue il naturalista, restano le calde e afose giornate senza sole scrutando l’arida macchia e le rocce tra gli uliveti e i muretti a secco, una tradizione costruttiva che offre un ottimo riparo ed una veloce via di fuga in caso di pericolo.

Timon lepidus è predata dai rapaci che grazie alla loro acutissima visuale distinguono anche da quote altissime i colori sgargianti della lucertola.
Per fortuna le consistenze demografiche sono buone e stabili e questo inizio giugno con basse nuvole è il periodo adatto per tentare la sorte di scorgere un altro rettile presente solo in Liguria, il Colubro lacertino (Malpolon monspessulanus) un serpente dai colori e dalle squame spettacolari.

Le osservazioni fotografiche complete nel gruppo Facebook “zampe libere”.