Home Cultura Cultura Imperia

La Lavanda della Riviera dei Fiori, in voga fin dal 2014

0
CONDIVIDI
La Lavanda della Riviera dei Fiori, in voga fin dal 2014

Il Comune di Loano aderisce al progetto, La Lavanda della Riviera dei Fiori

Il Comune di Loano ha deciso di aderire al progetto “La Lavanda della Riviera dei Fiori”, iniziativa lanciata nel 2014 che si propone di valorizzare quei territori della Riviera Ligure che, per storia e tradizione, sono legati al settore della coltivazione della lavanda.

Anticamente – spiega il sindaco di Loano Luigi Pignocca – la coltivazione della lavanda era un’attività piuttosto diffusa sulle Alpi Marittime e sulle Alpi Liguri. I promotori del progetto hanno pensato di recuperare questa antica tradizione e di trasformarla in un vero e proprio volano per lo sviluppo turistico dell’entroterra. L’iniziativa vede la partecipazione di soggetti e realtà che lavorano in diversi settori”.

Oltre a rappresentare un’opportunità dal punto di vista turistico “La Lavanda della Riviera dei Fiori” ha diversi altri risvolti in ambito economico e ambientale: “Il progetto – aggiunge l’assessore al turismo Remo Zaccaria – si propone da un lato di recuperare le tradizioni del territorio (come gli antichi terrazzamenti utilizzati per le coltivazioni) e, dall’altro, di far rivivere l’entroterra combattendo il degrado, il dissesto idrogeologico e l’abbandono dei terreni; inoltre, si dà alle aziende agricole la possibilità di intraprendere un’ulteriore attività”.

Fondamentale per raggiungere questi obiettivi è la collaborazione con le amministrazioni comunali: partecipando al progetto, infatti, i Comuni possono ottenere il riconoscimento di “Territorio della lavanda”.

E nei “Territori della Lavanda” i produttori, gli artigiani, le strutture recettive e le aziende possono contare su “una valida promozione e comunicazione, migliorando la loro visibilità in loco e verso nuovi consumatori, con ricadute positive per il settore commerciale”.