Home Cultura Cultura Genova

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter Giannini

0
CONDIVIDI
Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

Lo scorso mercoledì 24 marzo sono state inaugurate, presso il Videoporto di Cornigliano di Villa Bombrini, le scenografie dedicate alla figura del banchiere filantropo di origini liguri che ha fondato prima la Bank of Italy e poi la Bank of America: Amadeo Peter Giannini

L’iniziativa fa parte dell’Operazione formativa “Liguria: Che spettacolo!” che Fondazione CIF ha proposto grazie all’invito “Cultura in formazione 2” emesso dalla Regione Liguria, con il contributo del Fondo Sociale Europeo, per lo sviluppo in Liguria delle professioni del mondo del cinema, del teatro e dello spettacolo in generale.

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

Il corso vede, fin dalla fase di ideazione e di progettazione, una fattiva collaborazione tra Fondazione CIF, Genova Liguria Film Commission e l’Ente Scuola e Sicurezza in Edilizia della Città Metropolitana di Genova.

Tale collaborazione consente di realizzare una stretta sinergia tra l’azione formativa e il settore produttivo di riferimento, ponendo in tal modo le migliori condizioni iniziali per assicurare un positivo incontro tra un’offerta di lavoro adeguatamente qualificata e la domanda delle aziende operanti nel settore sul nostro territorio.

Durante l’inaugurazione sono state realizzate 7 postazioni, definite “Stazioni” attraverso le quali sono state raccontate le fasi salienti della vita di A.P. Giannini per arrivare alla presentazione del lavoro svolto dagli allievi del corso.

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

“E’ una doppia soddisfazione – ha esordito – dichiara l’Assessore regionale Ilaria Cavo – essere qui oggi, sia come assessore alla Cultura che come assessore alla Formazione, perché questo progetto ha avuto il sostegno di una bando della Formazione che tramite il fondo sociale europeo ha voluto sostenere i progetti culturali più meritevoli, e questo indubbiamente lo è.

Valorizza un grande personaggio ligure che deve essere ricordato per la sua storia a tutto tondo sia per le imprese in ambito finanziario sia per la lungimiranza in campo cinematografico.

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

E deve essere apprezzato riscoperto soprattutto dai giovani. Coloro che hanno partecipato all’allestimento di queste scenografie hanno ricostruito una storia e  contemporaneamente appreso un mestiere.

Un apprezzamento al CIF e a Film Commission perché grazie alla loro collaborazione sono riusciti a dare uno sguardo attento al passato guardando in realtà al futuro”.

Il Centro Studi Amadeo Peter Giannini presieduto da Cristina Bolla, è stato realizzato in occasione del 150° anniversario della nascita del banchiere di origini genovesi i cui genitori emigrarono da Favale di Malvaro.

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

Amadeo Peter Giannini dedicò la vita a dare sostanza alle sue visioni del futuro operando oltre i limiti imposti dalla logica del profitto ambendo a soddisfare le esigenze dei più deboli. Realizzò sogni che parvero utopie asserendo il principio che “un banchiere dovrebbe considerare se stesso un servo del popolo e un servo della comunità”.

Rivoluzionò il mondo bancario fondando la Bank of Italy, primo esempio nella storia a prestare soldi alla classe operaia fino ad allora emarginata dalla finanza, e poi creò la Bank of America che divenne la più importante del mondo.

Fu al centro di numerose innovazioni e finanziò anche la costruzione del Golden Gate Bridge di San Francisco.

Ma fu anche il principale artefice della nascita del cinema così come lo conosciamo ai giorni nostri, dandogli l’impulso e l’energia produttiva che ne rivoluzionò il destino sino a renderlo la settima arte.

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

Senza di lui e la sua lungimiranza, ad esempio, Walt Disney non avrebbe mai potuto produrre alcun cartone animato e geni come Charlie Chaplin o Frank Capra non avrebbero mai potuto esprimere compiutamente il loro talento lasciandoci capolavori assoluti. La sua opera fu essenziale per creare il mondo hollywoodiano e del cinema.

La realizzazione del Centro Studi Amadeo Peter Giannini, la cui prima riunione del Comitato dei Membri si è tenuta a Villa Durazzo Bombrini, è fra le principali azioni che Genova Liguria Film Commission ha deciso di mettere in campo per promuovere la nostra città.

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

Ne faranno parte un panel di esperti e coinvolgerà membri di tutte le istituzioni e associazioni che tendono a valorizzare Genova e la Liguria in Italia e nel mondo. Si tratta di un contenitore di idee, progetti e attività di supporto a quanti vogliono intraprendere la carriera nell’ambito dell’audiovisivo.

“Sono sicuro che il Centro Studi Amadeo Peter Giannini – ha detto il sindaco di Genova Marco Bucci – grazie alla presenza di persone competenti e qualificate in tutti gli ambiti della cultura, dello sviluppo economico e turistico, del marketing territoriale e dell’audiovisivo in generale, darà una spinta decisiva al processo di internazionalizzazione del brand del nostro territorio.”

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

“Guardare avanti e arrivare sempre primi, con lo stesso spirito di Amedeo Peter Giannini, inauguriamo oggi l’omonimo centro Studi di Genova – Liguria Film Commission – commenta l’assessore alle Politiche culturali e Politiche per i giovani Barbara Grosso – Un contenitore di idee e progetti, che permetterà di scoprire e valorizzare giovani talenti”.

I membri del Comitato Scientifico, di cui Giorgio Oddone è il Rettore, sono.

Per il Comune di Genova, L’Assessore allo Sviluppo economico turistico e Marketing territoriale Laura Gaggero; per la Città Metropolitana di Genova, il Consigliere Franco Senarega; per la Regione Liguria, Daniele Biello (dipartimento cultura) e Francesco Caso (Dipartimento Sviluppo Economico);il Sindaco di Favale di Malvaro, Ubaldo Crino; Anna Maria Saiano, U.S. Consular Agent Genoa, Consular Agency of the United States of America; Brian Boitano, Oro Olimpico nel pattinaggio artistico Olimpiadi di Calgary 1886 – di origine di Favale di Malvaro; Paolo Masini Presidente del Comitato di Indirizzo del Museo dell’Immigrazione MEI, che aprirà a Genova nel 2022 e Pierangelo Campodonico Segretario del Comitato di indirizzo del MUMA; Massimiliano Nannini, Contrammiraglio, Direttore dell’Istituto Idrografico della Marina; Cristina Priarone, Presidente Italia Film Commission; per A Compagna Franco Bampi; per la Consulta Ligure G.B. Guido Robba; per l’Associazione Liguri nel mondo il Presidente Mario Mennini e Giovanni Boitano Vice Presidente; lo scrittore Giorgio A. Chiarva; per Confartigianato Liguria Luca Costi; per CNA Alfonso Cioce; Massimo Bacigalupo, Prof. Emerito letteratura angloamericana UniGe; per il comparto produttivo il regista Michele Rovini e Il produttore Ezio Landini; Alessandro Cavo, in rappresentanza della Camera di Commercio di Genova.

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)

Il consiglio di amministrazione ed esecutivo sarà così costituito:

Cristina Bolla, Presidente; Claudia Oliva, Vice Presidente; Giorgio Oddone, Consigliere e responsabile coordinamento membri del comitato scientifico; Roberto Lo Crasto, consigliere e Simonetta Porro (Presidente dell’Associazione #unamanonelcerchio) Segretaria.

Al fine di studiare le possibilità di relazioni con il Parlamento Europeo è presente Sonia Sportiello.

La sede del Centro Studi Amadeo Peter Giannini sarà la stessa della Genova Liguria Film Commission: Villa Durazzo Bombrini in via Muratori 5 a Cornigliano.

Inaugurate le scenografie del Centro Studi Amedeo Peter (foto Claudia Oliva photojournalist)