Home Spettacolo Spettacolo Genova

Il Festival di Lunaria Teatro giunge al termine domani

0
CONDIVIDI
Il Festival di Lunaria Teatro giunge al termine domani

Festival in una notte d’estate, seconda settimana con Francesco Foti, Michela Centanaro ed Ensemble Phonodrama

Il Festival in una notte d’estate di Lunaria Teatro conclude domani, sabato 1 agosto, la sua prima settimana di programmazione con “Quattro passi nel varietà” che ha per protagonisti Andrea Benfante, Paolo Drago e Vittorio Ristagno in un percorso, incompleto e imperfetto, nel teatro leggero italiano del ‘900, attraverso autori e testi che hanno fatto epoca nella cultura e nel costume del nostro paese, da Ettore Petrolini a Gigi Proietti. Lo spettacolo verrà replicato anche sabato 8 agosto.

Lunedì 3 agosto il Festival abbandona momentaneamente piazza San Matteo per inseguire “I luoghi dell’immaginario”, un evento all’Osservatorio astronomico del Righi dedicato alla Luna, con Remo Viazzi e gli attori di Lunaria Teatro.
Martedì 4 agosto si ritorna invece nella consueta location di San Matteo per “Voci di Genova”, concerto di Michela Centanaro, Maria Giulia Mensa e Yulyo Fortunato dedicato ai grandi cantautori genovesi, da Fabrizio De André a Ivano Fossati, passando per Luigi Tenco, Bruno Lauzi, Umberto Bindi e Gino Paoli.

Giovedì 6 agosto è la volta di uno degli appuntamenti più attesi di quest’anno, quello con “Niuiòrc Niuiòrc”, autentico one-man show di Francesco Foti. Attore noto al grande pubblico per i suoi trascorsi televisivi – anche recentissimi: è tra i protagonisti della serie tv “Il Cacciatore” trasmessa su Rai 2 dal 2018 -, e una lunga esperienza nel cabaret, dai Cavalli Marci a Colorado Café, e nel cinema, dove ha lavorato con registi del calibro di Tornatore, Faenza e Piccioni. Foti, però, è anche solido interprete teatrale, dove ha recitato, tra le altre, in opere di Shakespeare, Checov e Pirandello.

La stessa eccezionale versatilità che ritroviamo in questo spettacolo, nel quale il protagonista si perde per le strade di New York, nei locali e nei parchi di Manhattan, per poi ritrovarsi seguendo il filo di un racconto ritmato, divertente, tenero, e mai scontato. La vicenda è costruita come una sequenza di sketch, nel senso letterale di schizzi, ritratti della quotidiana urbanità, fatta dell’abbondante e multiforme materia umana che si riversa sui marciapiedi newyorkesi. Quelli che popolano Niuiòrc Niuiòrc sono personaggi al limite del surreale, vicini al fumetto e al tempo stesso profondamente umani e “normali” nella loro peculiarità.

Venerdì 7 agosto si resta dall’altra parte dell’oceano ma viaggiando a ritroso di qualche secolo, fino all’epoca dei Conquistadores, per una serata in cui il Festival in una notte d’estate di Lunaria incontra il Festival internazionale di poesia promosso dal Circolo dei Viaggiatori nel tempo: “Come una lingua di fuoco” è il racconto dell’invasione dell’attuale Messico nelle parole dei vinti, gli indigeni Aztechi. Ai loro occhi, gli occupanti spagnoli sono come “extraterrestri” di fronte ai quali si ritrovano del tutto impotenti: le “trombe di fuoco” dell’esercito invasore annientano gli archi e le frecce, e Montezuma diventa l’eroe tragico dell’intera vicenda: non riesce a capire, non sa decidere se resistere o fuggire; gioca a nascondino con il nemico fino a che questi non piomba nel suo palazzo splendente d’oro per saccheggiarlo. Il re verrà prima ossequiato, poi imprigionato, infine ucciso.

Lo spettacolo è firmato dall’ Ensemble Phonodrama: Andrea Nicolini recita un monologo basato sul Codice Fiorentino di Fray Bernardino de Sahagùn e altri testi storici del periodo della Conquista; Gianluca Nicolini, al flauto, e Fabrizio Giudice, alla chitarra, lo accompagnano eseguendo musiche di Leo Brower, Roberto Sierra, Carlos Chavez, Heitor Villa Lobos, Joaquin Rodrigo, Alexandre Yague, Jacques Ibert, Jacques Castérède, Franco Margola.

Gli spettacoli della settimana

Sabato 1 agosto
QUATTRO PASSI NEL VARIETÀ (da Petrolini a Proietti)
con Andrea Benfante Paolo Drago Vittorio Ristagno
Lunaria Teatro Genova
Lazzi scherzi inezie stupidaggini freddure, cose serie oppur facezie… nel teatro leggero italiano del ‘900. Un percorso incompleto e imperfetto nel teatro leggero italiano attraverso autori e testi che hanno fatto epoca nella cultura e nel costume italiano.

Lunedì 3 agosto
EVENTO ALL’ OSSERVATORIO ASTRONOMICO DEL RIGHI
I Luoghi dell’immaginario: LA LUNA con Remo Viazzi e gli attori di Lunaria Teatro
ingresso libero fino a raggiungimento dei posti
ingresso Osservatorio e Planetario a pagamento con obbligo di prenotazione
in collaborazione con Osservatorio Astronomico del Righi
Martedì 4 agosto
VOCI DI GENOVA
parole e musiche da un’idea di Michela Centanaro
con Michela Centanaro chitarra classica, Maria Giulia Mensa voce, Julyo Fortunato contrabbasso fisarmonica ukulele Lunaria Teatro Genova
Dopo la reclusione… non c’è nulla di più bello che uscire e perdersi tra i vicoli di Genova fingendo di vederli per la prima volta insieme ai cantautori della nostra città.

Giovedì 6 agosto
NIUIÒRC NIUIÒRC Il primo, mitico viaggio da solo: New York di e con Francesco Foti
Un viaggio che ogni ragazzo sogna di fare. Ma cosa succede se questo ragazzo ha quarant’anni? Un quarantenne che vorrebbe essere maturo e potrebbe essere un bambino. Una New York che vorrebbe essere un mito e potrebbe essere un equivoco. Un viaggio che vorrebbe essere un sogno e potrebbe essere un incubo.

Venerdì 7 agosto
COME UNA LINGUA DI FUOCO
L’invasione del Messico con le parole dei vinti
testo tratto dal Codice Fiorentino di Fray Bernardino de Sahagùn
con Andrea Nicolini attore Gianluca Nicolini flauto Fabrizio Giudice chitarra
Ensemble Phonodrama Genova in collaborazione con Parole Spalancate – Festival Internazionale di Poesia Genova
1517. I Conquistadores arrivano in Messico. Come un elemento estraneo, penetrando in un corpo umano sano può infettarlo fino a ucciderlo, così gli “extraterrestri” spagnoli segnano la fine del popolo azteco. Il narratore, indigeno, descrive gli eventi: dai presagi funesti al sanguinoso giorno dell’ultima strage.

Sabato 8 agosto
QUATTRO PASSI NEL VARIETÀ
(da Petrolini a Proietti)
con Andrea Benfante Paolo Drago Vittorio Ristagno
Lunaria Teatro Genova
Lazzi scherzi inezie stupidaggini freddure, cose serie oppur facezie… nel teatro leggero italiano del ‘900. Un percorso incompleto e imperfetto nel teatro leggero italiano attraverso autori e testi che hanno fatto epoca nella cultura e nel costume italiano.