Home Cronaca Cronaca Genova

I saluti dei colleghi della Polizia alla dottoressa Bucarelli che lascia Genova

0
CONDIVIDI
Delia Bucarelli

Il capo di gabinetto della Questura di Genova Delia Bucarelli lascia la nostra città per un nuovo incarico a Bergamo, in qualità di vicario del questore di Bergamo.

“Oggi – hanno riferito dalla Questura di Genova – abbiamo piacere di condividere l’affettuoso saluto che rivolgiamo al nostro capo di gabinetto Delia Bucarelli, pronta a ricoprire il prestigioso incarico di vicario del questore di Bergamo.

Nata a Napoli 52 anni fa, due figli universitari, Delia ha cominciato il suo percorso da giovanissima frequentando l’Istituto Superiore di Polizia fino al 1991 quando ha spiccato il volo verso Genova, dove è stata subito impiegata come funzionario di turno alle Volanti.

Ha proseguito la sua formazione presso la Divisione amministrativa e sociale ricoprendo il ruolo di vicedirigente, assegnata poi al comando del commissariato Foce e in seguito a quello di Pré e di Cornigliano dove si è distinta per come ha affrontato rispettivamente il fenomeno della microcriminalità nel centro storico e delle bande giovanili sudamericane.

A completamento della sua formazione non potevano mancare l’ufficio Personale e, dopo la promozione a primo dirigente, anche la dirigenza dell’U.P.G., del commissariato Centro e dell’ufficio Immigrazione.

Dopo una parentesi nel 2011 come vice capo di gabinetto, è ritornata nel 2018, questa volta come capo dell’ufficio, dove ha potuto mettere in campo tutte le sue doti organizzative destinandole soprattutto alla delicata gestione dell’ordine pubblico.

Conosciuta da tutti per il suo temperamento a volte un po’ ‘rumoroso’, ma sempre affidabile e risolutivo, ha rappresentato per molti di noi un punto di riferimento non solo professionale, ma anche umano.

Tra i consueti turnover dei dirigenti a cui noi poliziotti siamo ormai abituati, quello che accompagnerà la dottoressa Bucarelli a Bergamo, lascia nei nostri cuori un sentimento misto di orgoglio e di preannunciata nostalgia”.