Home Cronaca Cronaca Genova

Forze dell’Ordine, Marina, GdF e Esercito al 59° Salone Nautico Internazionale

0
CONDIVIDI
Lo stand della Marina Militare al 59° Salone Nautico

GENOVA Salone Nautico Internazionale alla 59° edizione, indubbiamente quella del rilancio dopo quella dell’anno scorso un po’ sottotone perchè segnata dalla ancora aperta ferita cittadina e non solo della tragedia del crolllo Morandi.

LN ha visitato gli stands delle Forze dell’Ordine e delle Armi di Marina Militare e Esercito, situati nella parte estrema ovest del Padiglione creato da Jean Nouvel. Interessanti alcune novità tecnico-operative dei mezzi nautici ma anche terrestri in dotazione alle varie compagini militari.

All’esterno fa bella mostra di sé un gommone in uso all’Arma dei Carabinieri. All’interno non può mancare la Marina Militare – a proposito ricordiamo che in queste giornate dedicate all’universo mondo della nautica è possibile visitare gratuitamente la Fregata “Alpino” Classe Fremm attraccata a Ponte Doria, varata due anni or sono ai Cantieri di Riva Trigoso e dotata di tecnologie all’avanguardia – che offre il colpo d’occhio di un grande modello di circa tre metri di lughezza della splendida Nave Scuola “Amerigo Vespucci” dove si formano marinai e ufficiali di professione.

Presente la Guardia di Finanza che è dotata di diverse tipologie di mezzi navali, primi fra tutti le motovedette, utilizzati per il contrasto in mare dei traffici illeciti o per il controllo della regolarità anche fiscale di tutto ciò di galleggiante che si muove entro le acque territoriali nazionali, così come naturalmente a maggior ragione la Guardia Costiera più dedita alla sicurezza e operazioni di salvataggio di equipaggi di natanti in difficoltà.

Nello Stand dell’Esercito campeggia un mezzo terrestre pesante e blindato modello Lince della Iveco destinato a soccorso medico in zone di guerra e in gergo allineato alle procedure d’urgenza Medevac (Medical Evacuation) sia di militari che di civili feriti da combattimenti e/o bombardamenti in città o sul terreno di conflitto aperto.

Marcello Di Meglio