Home Politica Politica Genova

Dalla Regione stop a fondi sviluppo hotel che ospitano migranti

0
CONDIVIDI
Migranti in hotel (foto di repertorio)

Lunardon (Pd): Una norma nazista, vergognosa e incostituzionale

Una proposta di legge della Lega approvata oggi pomeriggio a Genova dal Consiglio regionale con 16 voti a favore (centrodestra) e 11 contrari (Pd, M5S e Rete a Sinistra-LiberaMente Liguria), prevede che la Regione Liguria non non erogherà contributi per lo sviluppo del turismo alle imprese ricettive che negli ultimi tre anni hanno ospitato migranti.

La norma esclude dai contributi per la riqualificazione turistica gli alberghi e gli ostelli che hanno firmato le convenzioni del sistema Sprar.

“Il Pd ogni tanto ha un gusto per l’iperbole non sintonizzato con il gusto dei cittadini italiani. La legge dice una cosa banale: cerchiamo di destinare soldi dei cittadini allo sviluppo di un settore economico e non darli a qualcuno che, legittimamente secondo le leggi dello Stato, fa tutt’altro nella vita. È come se mi si chiedesse perché non do aiuti regionali per chi aggiusta le biciclette a chi non fa quel lavoro”. Queste le parole del presidente della Regione Giovanni Toti in risposta al capogruppo del Pd in Regione Giovanni Lunardon, che ha definito tale provvedimento “Una norma nazista, vergognosa e incostituzionale”… “Un testo vuoto, di propaganda, che strumentalizza il turismo a fini politici”.

Il presidente Toti ha poi precisato: “Spendiamo soldi pubblici per riqualificare il turismo e aiutare gli imprenditori. Ne può usufruire solo chi ha un’attività che prevalentemente ospita turisti e ha quello come business principale. Chi invece utilizza quella struttura per la maggior parte dell’anno o del suo sistema di business per ospitare migranti a quella legge non accede”.