Home Spettacolo Spettacolo Genova

Circuito Cinema 2020 al Ducale di Genova

0
CONDIVIDI
Circuito Cinema 2020 al Ducale di Genova

La mia battaglia lo spettacolo di Elio Germano al Palazzo Ducale, Cortile Maggiore, piazza Matteotti 9

 

Circuito Sivori, salita S. Caterina 12

GENOVA RELOADED

4 -12 luglio 2020

Incontri di cinema e dintorni

Direzione artistica Giorgio Viaro

Produzione Circuito

Domenica 12 luglio 2020

ore 14.00 -17.40 – 21,30 Circuito Sivori, salita S. Caterina 12

SEGNALE D’ALLARME. LA MIA BATTAGLIA VR

Diretto e interpretato da Elio Germano

Regia Elio Germano e Omar Rashid

Produzione Gold –Infinito Riccione Teatro

Tratto dallo spettacolo teatrale “La mia battaglia”, diretto e interpretato da Elio Germano, prodotto da Pierfrancesco Pisani, scritto da Elio Germano e Chiara Lagani

Film in realtà virtuale– Durata 70’

Alle ore 17.40 ospite: Elio Germano

ore 21.30 Cortile Maggiore Palazzo Ducale, piazza Matteotti 9

FAVOLACCE

di Fabio e Damiano D’Innocenzo – Con Elio Germano, Tommaso Di Cola

Drammatico, Italia 2020 – Durata 98’

Ospite: Elio Germano

Il festival Genova Reloaded, prodotto da Circuito con la direzione artistica di Giorgio Viaro, si chiude con il successo di un numero zero accolto con interesse e partecipazione dagli spettatori e una giornata interamente dedicata a Elio Germano. Domenica 12 luglio al cinema Sivori (ore 14.00 – 17.40 – 21.30) è in programma Segnale d’allarme. La mia battaglia VR, spettacolo in realtà virtuale con Elio Germano protagonista, che incontra il pubblico prima della seconda proiezione. Una volta indossato il casco VR, lo spettatore sarà portato a piccoli passi a confondere immaginario e reale, e sarà portato ad immergersi nell’opera teatrale diventandone parte. Germano interpreta un attore, o forse un comico, ipnotizzatore non dichiarato, che durante uno spettacolo di intrattenimento, manipola gli spettatori in un crescendo di autocompiacimento, anche verbale, fino a giungere, al termine del suo show, a una drammatica imprevedibile svolta. Portatore di un muto volere collettivo diffuso nell’aria, l’artista da figura autorevole si farà a poco a poco sempre più autoritario, evocando lo spettro di un estremismo di ritorno travestito da semplice buon senso.

La sera alle ore 21.30 Elio Germano incontra nuovamente il pubblico, intervistato da Giorgio Viaro, nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale per presentare il film Favolacce dei fratelli D’Innocenzo, reduce dal trionfo ai Nastri d’argento (Miglior Film, Migliore Produzione ex aequo con Hammamet, Migliore Sceneggiatura, Migliore Fotografia, Migliori Costumi), dopo essere stato premiato all’ultimo Festival di Berlino. Il film è ambientato nella calda estate di un quartiere periferico a Roma. Nelle villette a schiera vivono alcune famiglie in cui il senso di disagio costituisce la cifra esistenziale comune anche quando si tenta di mascherarlo. I genitori sono frustrati dall’idea di vivere lì e non altrove, di avere (o non avere) un lavoro insoddisfacente, di non avere in definitiva raggiunto lo status sociale che pensavano di meritare. I figli vivono in questo clima e ne assorbono la negatività cercando di difendersene come possono e magari anche di reagire.

In caso di pioggia la proiezione di Favolacce sarà trasferita al cinema Corallo.