Home Cultura Cultura Genova

Chiude domani a Genova il festival letterario Incipit

0
CONDIVIDI
Chiude domani a Genova il festival letterario Incipit

Festival letterario Incipit II edizione, ultimo giorno domani 17 novembre a Genova.

Il festival letterario chiude sul trenino di Casella e a Castello Mackenzie. Fra gli ospiti Ardone, Valerio, Nieddu, Buticchi.

DOMENICA 17 novembre 2019

TRE SCRITTRICI SUL TRENINO DI CASELLA, DONNE CHE RACCONTANO UOMINI, LA GRAPHIC NOVEL STAGIONE DI CACCIA E I VIAGGI IMMOBILI DI BUTICCHI

Stazione del Trenino di Casella, via alla Stazione per Casella, 15:

Ore 11.30, Tre scrittrici in viaggio con Viola Ardone, Chiara Ferraris e Cinzia Pennati

Castello Mackenzie, Mura di San Bartolomeo 16:

Ore 15.30, Donne che raccontano uomini con Paola Tavella, Chiara Valerio ed Elena Nieddu. Introduce Andrea Plebe. Modera Laura Guglielmi

Ore 17.00, Stagione di caccia con Bruno Cannucciari ed Emilio Pagani

Ore 18.30, Si può girare il mondo stando seduti con Marco Buticchi

Seguono brindisi conclusivo e buffet

La seconda edizione di Incipit, festival letterario con la direzione artistica di Laura Guglielmi e la direzione organizzativa di Daniela Carrea, si chiude domenica 17 novembre con altri appuntamenti dedicati al tema “In cammino”, dopo cinque giorni caratterizzati da una grande partecipazione di pubblico. Questa grande festa letteraria, in piena adesione al tema affrontato quest’anno con un viaggio sul trenino Genova-Casella. Si ricorda che i partecipanti devono presentarsi all’appuntamento (ore11,30, stazione di Manin, via alla Stazione per Casella) già muniti di biglietto. Con loro saliranno sul treno tre scrittrici: Viola Ardone, Chiara Ferraris e Cinzia Pennati. Ardone con il suo libro Il treno dei bambini (Einaudi), in corso di traduzione in venticinque lingue dopo la presentazione alla Fiera di Francoforte, è il caso editoriale dell’anno. Racconta la storia dei tanti bambini italiani che nel dopoguerra sono stati strappati alla povertà del Sud e ospitati dalle famiglie del Nord. Introduce Deborah Riccelli. Ferraris nel romanzo d’esordio L’impromissa (Sperling & Kupfer) ritrae una storia d’amore fra contadini nel Novecento, ambientata proprio in Valpolcevera, dove si giunge con il trenino. Introduce Antonella Grandicelli. La genovese Pennati, introdotta da Arianna Destito, è autrice de Il matrimonio di mia sorella (Giunti), ha grande seguito sui social network e svelerà come lo ha ottenuto.

La giornata prosegue alle ore 15,30 al Castello Mackenzie (Mura di San Bartolomeo 16) con “Donne che raccontano uomini”. Paola Tavella, Chiara Valerio ed Elena Nieddu, introdotte da Andrea Plebe, offrono il loro sguardo sul mondo maschile. Valerio, autrice e conduttrice a Radio 3 Rai, ne Il cuore non si vede (Einaudi) narra di un uomo che perde il cuore e non in senso metaforico. Tavella ne Il sesso magico (Sonzogno) racconta perché tante donne intelligenti si innamorano di uomini egoisti. Nieddu, giornalista oltreché scrittrice, in Senza pelle (Ensemble) traccia il ritratto di una capocronista arrogante, descrive storie di amanti disperati e di separazioni. Modera Laura Guglielmi. Alle ore 17 è in programma la presentazione della graphic novel Stagione di caccia (Tunuè) di Bruno Cannucciari ed Emilio Pagani, che affronta la paura del diverso: in un paesino dove tutti conoscono tutti, tre donne gestiscono un’azienda agricola. Alle ore 18,30, incontro con Marco Buticchi dal titolo “Si può girare il mondo stando seduti”. Buticchi Ama Salgari, che ha scritto romanzi d’avventure descrivendo luoghi mai visti, ma a differenza del suo maestro è spesso in viaggio. Racconterà il suo vagabondare fra i continenti e le sue letture, esperienze che lo portano a costruire trame indimenticabili.

Seguono brindisi conclusivo e buffet. Arrivederci alla prossima edizione di Incipit.

Incipit è prodotto da Associazione Incipit, con il sostegno di Regione Liguria e Comune di Genova, la sponsorizzazione di Crédit Agricole, Cosme, Villa Montallegro, Hotel de Ville e Mimoto, fra gli altri.

Il festival letterario Incipit 2019, si avvale di un comitato artistico composto da Elisa Brivio, Arianna Dèstito, Arianna Ferri, Antonella Grandicelli, Bruno Morchio e Deborah Riccelli.

BIOGRAFIE:

Viola Ardone

Viola Ardone, nata a Napoli nel 1974, insegna latino e italiano al liceo. Ha pubblicato i romanzi La ricetta del cuore in subbuglio (Salani 2012) e Una rivoluzione sentimentale (Salani 2016). Il suo libro Il treno dei bambini (Einaudi 2019) è il caso editoriale dell’ultima Fiera del Libro di Francoforte. È in corso la traduzione in venticinque lingue.

Marco Buticchi

Nato alla Spezia il 2 maggio del 1957, risiede a Lerici, in quella pittoresca parte della costa ligure chiamata Golfo dei Poeti. È sposato dal 1987 con Consuelo, con la quale ha due figlie, Andrea e Beatrice. Laureato in Economia e Commercio all’Università di Bologna nel 1982 ha lavorato per diversi anni come trader petrolifero presso una multinazionale, lavoro che lo ha portato a viaggiare spesso in Medio Oriente, Africa, Europa e Stati Uniti.

Nel 1997 pubblica il primo romanzo, Le Pietre della Luna, nella collana I Maestri dell’Avventura di Longanesi. Seguono Menorah, 1998, Profezia, 2000, La nave d’Oro, 2003, L’anello dei re, 2005, Il vento dei demoni, 2007, Il respiro del deserto, 2009, La voce del destino, 2011, La stella di pietra, 2013, Il segno dell’aquila, 2015, casa di mare, una storia italiana, 2016, La luce dell’impero, 2017, Il segreto del faraone nero, 2018, Stirpe di navigatori, settembre 2019.

Autore di best sellers, ha un forte seguito di affezionati lettori e nel 2008 è stato nominato dal Presidente Giorgio Napolitano, Commendatore al Merito della Repubblica Italiana per aver contributo alla conoscenza e alla diffusione della lingua italiana nel mondo. Dice del suo lavoro l’autore: «Scrivevo fin da quando ero bambino e la storia, in particolare, mi ha sempre interessato enormemente. Ci sono strane coincidenze di date, fatti e nomi che hanno del misterioso. Se si riesamina la Storia con le moderne possibilità di ricerca si riescono a scoprire risvolti interessanti, lati oscuri e spesso inquietanti».

Bruno Cannucciari

Romano, classe 1964, da 27 anni scrive e disegna storie e tavole autoconclusive per Lupo Alberto. Si è occupato dei model-sheet dei personaggi della prima serie di cartoni animati di Lupo Alberto e la fattoria McKenzie. Prima, e durante, ha pubblicato fumetti su Comic Art (da solo o in coppia con Franco Fossati ai testi), L’isola che non c’é (Gli idronauti) e Lupo Alberto (Winny). Ha illustrato libri e opuscoli per Mondadori, Berlitz, De Agostini, Amministrazioni Comunali e manifestazioni fumettistiche. Ha collaborato come vignettista e illustratore al quotidiano “Italia Oggi” dal primo all’ultimo numero della sua prima versione (1987-1991). Sempre con Emiliano Pagani ha realizzato il graphic novel Kraken, vincitore del Premio Romics e del Premio Boscarato come miglior fumetto italiano e pubblicato in Francia, Polonia e Spagna. Al momento è in libreria con Stagione di caccia il secondo lavoro realizzato in collaborazione con Pagani. Ha collaborato con Sergio Bonelli Editore per la serie Il Confine.

Arianna Destito

È’ nata a Genova dove vive e lavora. Pedagogista e Fisioterapista. È autrice di racconti, anche di genere noir. Tra gli ultimi: La pasta di nonna Apollonia (Tutti i sapori del noir – Fratelli Frilli editore), Una questione di fiducia (Il ponte. Un’antologia-Il canneto editore), Cumuli (La Liguria brucia – Lo studiolo), Il postino di Mozzi (Arkadia). Collabora con webmagazine e blog.

Chiara Ferraris

Chiara Ferraris, nata a Genova, è biologa, insegnante e scrittrice. Vive in campagna con la sua famiglia. Ama leggere ed essere a contatto con la natura. L’impromissa, il suo romanzo d’esordio, è pubblicato da Sperling & Kupfer. Scritto in un lungo inverno, ha vinto la seconda edizione del Premio nazionale per opere inedite «Parole di Terra», sezione Narrativa, con il titolo Il giorno dei grilli verdi.

Antonella Grandicelli

Nata a Genova, dove ha studiato lingue straniere e si è laureata in Lettere Moderne. Ama profondamente la sua città, anche se ha ereditato dalla famiglia una grande passione per i viaggi e le culture diverse, che la porta ad avere spesso la valigia in mano. Libri e viaggi, penna e macchina fotografica s’intrecciano dunque nella sua vita. Scrittrice di poesie e racconti presenti in varie antologie, Le ali dell’angelo (Robin, 2017) è il suo romanzo d’esordio.

Elena Nieddu

Nata a Genova nel 1974, si è laureata all’Università di Torino in Scienze della Comunicazione, lavorando poi come addetta stampa all’Acquario di Genova. Ha quindi svolto il praticantato giornalistico all’Ifg “Carlo de Martino” di Milano. È’ giornalista professionista. Per il quotidiano Il Secolo XIX si occupa di cultura, spettacoli e società. Nel 2019 ha pubblicato il suo primo libro, la raccolta di racconti Senza pelle, edito da Ensemble.

Emiliano Pagani

Nato a Livorno nel 1969, è stato per 25 anni uno degli autori di punta del “Vernacoliere” per il quale ha creato come disegnatore prima e in seguito come sceneggiatore diverse serie a fumetti e vignette satiriche. Insieme a Daniele Caluri crea e produce i volumi di Don Zauker, vincitore di numerosi premi nazionali tradotto anche in francese e spagnolo, di cui è autore di soggetti e sceneggiature. Negli anni collabora con la rivista Il Mucchio e con Il Male di Vauro e Vincino.

Nel 2012, sempre in collaborazione con Daniele Caluri, crea la serie umoristica Nirvana, per PaniniComics. Nel 2015 inizia a collaborare con Sergio Bonelli Editore per alcuni albi di Dylan Dog. Per Tunué, pubblica la graphic novel Kraken, con i disegni di Bruno Cannucciari che vince il premio Romics e il premio Boscarato, come miglior fumetto italiano e che viene pubblicato in Francia, Belgio, Polonia e Spagna. Ad ottobre 2019 è uscito il suo primo volume per FeltrinelliComics, Don Zauker – Ego te dissolvo, e la nuova graphic novel per Tunué, in collaborazione con Bruno Cannucciari: Stagione di Caccia.

Cinzia Pennati

Cinzia Pennati vive a Genova con le sue due figlie. Da vent’anni lavora come insegnante, speri­mentando metodologie innovative e di impegno nel sociale. Nel 2015 entra in contatto con Officina Letteraria. A dicembre 2016 ha aperto un blog, Sosdonne.com, dove con lo pseudonimo di Penny scrive su tematiche femminili e legate all’educazione: in un anno ha avuto oltre due milioni di visite. Per Giunti ha pubblicato Il matrimonio di mia sorella.

Andrea Plebe
Andrea Plebe, nato a Genova il 26 agosto 1960, è giornalista. Ha lavorato a “Il Lavoro”, “La Stampa” e dal 1986 a “Il Secolo XIX”, dove è attualmente responsabile della sezione Xte – Cultura, spettacoli e società.

Deborah Riccelli

Nasce a Genova dove lavora come formatrice esperta in violenza di genere e stereotipi del linguaggio. È anche sceneggiatrice e regista teatrale, tra gli altri, il suo spettacolo teatrale Nessuno mai potrà + udire la mia voce (tratto dall’omonimo romanzo Frilli 2009_Palomar 2014) ha visto il sold out in numerosi teatri tra i quali il Carlo Felice di Genova. Attualmente in libreria, con una raccolta di racconti Mille e più farfalle (Erga). Altri suoi racconti sono presenti in varie antologie. A breve in Tutti i sapori del noir (Fratelli Frilli editori).

Paola Tavella

Paola Tavella, giornalista, attivista femminista, insegnante di kundalini yoga, è nata a Genova nel 1958 e vive a Roma. Ha cominciato scrivendo su Noidonne e sul Manifesto ed è stata per due volte portavoce del ministero per le Pari opportunità. Ha scritto Il prigioniero con Anna Laura Braghetti (Mondadori 1998, Feltrinelli 2003), Gli ultimi della classe (Mondadori 2000, Feltrinelli 2007), I nuovi italiani con Livia Turco (Mondadori 2005), Madri selvagge con Alessandra Di Pietro (Einaudi 2006), Deadflowers con Agostino Toscana (Bookabook 2016). È del 2019 l’uscita del suo ultimo romanzo Il sesso magico per Sonzogno.

Chiara Valerio

Chiara Valerio è nata a Scauri, in provincia di Latina, nel 1978. Scrittrice, editor e conduttrice radiofonica, ha alle spalle una formazione scientifica e ha conseguito un dottorato in Matematica all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Redattrice di Nuovi Argomenti, scrive per Amica e La Repubblica. Ha collaborato con la casa editrice Nottetempo, per la quale ha curato le traduzioni di Flush, Freshwater e Tra un atto e l’altro di Virginia Woolf e attualmente è l’editor responsabile per la narrativa italiana della Marsilio Editori. Ha pubblicato diversi romanzi e raccolte di racconti, tra cui: A complicare le cose (Robin 2003); Nessuna scuola mi consola (Nottetempo 2009); La gioia piccola d’esser quasi salvi (Nottetempo 2009); Spiaggia libera tutti (Laterza 2010); Almanacco del giorno prima (Einaudi 2014), Storia umana della matematica (Einaudi 2016). Su Rai Radio 3 conduce il programma L’Isola Deserta e cura con Anna Antonelli, Fabiana Carobolante e Lorenzo Pavolini il programma Ad alta voce. Il suo ultimo libro è Il cuore non si vede (Einaudi, 2019).

LUOGHI:

FERROVIA GENOVA – CASELLA – Stazione di Manin (via alla Stazione ferroviaria di Casella)

È una linea ferroviaria a scartamento ridotto che collega il centro della città di Genova con il suo entroterra, fino al paese di Casella in alta valle Scrivia. Il tracciato è lungo poco più di 24 chilometri ed effettua un percorso totalmente montano attraverso le valli Bisagno, Polcevera e Scrivia. Costruita nel 1929 ha da poco compiuto 90 anni. Dal 2010 è di proprietà di Amt che ha eseguito lavori di manutenzione e restauro. È frequentata da pendolari e turisti.

CASTELLO MCKENZIE – Mura di San Bartolomeo 16

Il castello Mackenzie è stato definito “capriccio da re” ed è considerato uno dei più riusciti esempi del gusto architettonico in uso a fine Ottocento, con il suo stile eclettico, teso a recuperare le suggestioni medieveali con richiami gotici e manieristi. Edificato su una villa rustica preesistente, fu eretto tra il 1893 ed il 1905 su progetto di Gino Coppedè, a cui venne commissionato dall’assicuratore fiorentino Evan Mackenzie, la cui famiglia lo abitò per ventisette anni, ovvero fino alla sua morte. Oggi è sede della Casa d’asta Cambi.

Ulteriori informazioni e aggiornamenti sul sito dedicato.