Home Economia Economia Genova

Carige2021: nuove filiali, rafforzamento del digital banking

0
CONDIVIDI
Banca Carige

Il consiglio di amministrazione della Banca Carige approva la riorganizzazione territoriale e operativa. Gli obbiettivi sono: Focalizzazione, specializzazione e investimenti informatici e potenziamento della capacità e della qualità del servizio alle imprese e clienti privati.

Nel primo trimestre 2021 saranno costituite 18 nuove filiali imprese dedicate a 10mila società medio grandi, di cui 4 in Liguria, che si qualificheranno come centri di competenza specialistica. Le nuove filiali private saranno 26 di cui 14 in Liguria e 10 a Genova e una di Banca del Monte di Lucca per assicurare servizi di consulenza di elevato livello focalizzati su 12mila nuclei di clienti e 8 miliardi di attività finanziarie.

La Banca Cesare Ponti continua l’ attività con le filiali di Milano e Genova e vedrà l’evoluzione del suo ruolo quale centro specialistico e fabbrica di prodotti di wealth management e di servizi di advisory finanziaria e prodotti Wealth,, per tutto il gruppo con prospettive di distribuzione anche verso reti terze.


«Il riassetto organizzativo e gli investimenti conseguenti sono stati progettati per consentire al grande impegno e al grande valore delle Persone di Carige di esprimersi disponendo di una macchina ancora più potente e veloce per accelerare sulla strada del rilancio.  ̶   Afferma Francesco Guido Maggiore, Amministratore Delegato della Banca  ̶ Maggiore focalizzazione e maggiore specializzazione, unite a investimenti informatici di primario livello, saranno sempre più la cifra distintiva di Carige per supportare imprese e famiglie in modo evoluto. Con l’ampliamento del ruolo di Banca Cesare Ponti si costruisce inoltre un ulteriore motore di generazione di valore sia per i clienti che per il Gruppo».

E’ stato approvato investimenti informatici, Che nell’ anno 2021, consentiranno il potenziamento degli strumenti di offerta a distanza. L’innalzamento ai migliori livelli di mercato della workstation a disposizione dei gestori per la consulenza finanziaria alla clientela private e affluent, Il restyling e l’ampliamento delle funzioni del mobile banking e del sito internet.

L’attivazione di un modello di filiale digitale operativa in modalità self, con operatori da remoto. La rete attuale costituita da 421 unità operative inquadrate in 13 aree che servono 700mila clienti privati e 45mila piccole imprese, sarà redistribuita su 25 aree retail a cui si aggiungeranno 4 aree private e 2 aree imprese che coordineranno filiali di nuova costituzione.

Il digital banking, servizio ai clienti, si svilupperà con modalità e strumenti caratterizzati da un crescente livello di sofisticazione e innovatività. L’offerta a distanza sarà realizzata tramite “Filiale Remota” composta da nuclei di gestori che interagiscono con il cliente tramite contact center; l’interazione video abiliterà quindi il servizio da parte di Gestori remoti e di Consulenti specialistici. La Filiale Smart consente al cliente di provare una nuova esperienza di servizio in un ambiente rinnovato e automatizzato che consente l’ operatività con il supporto da remoto di personale dedicato o in modalità self. ABov.