Home Cultura Cultura Savona

Calvi e Giusto da Albenga ai Pirenei

0
CONDIVIDI
Calvi e Giusto

SAVONA. 11 SETT. Un’altra avventura per gli inseparabili amici Daniele Calvi e Sergio Giusto: un operatore turistico ed un artista contemporaneo che cercano sempre avventure e spunti per far parlare della nostra Liguria. Partiranno domani per la Francia. Questa volta l’ obiettivo è percorrere un importante tratto del Cammino di Compostela. Questa tappa durerà tra i sette ed i dieci giorni: si tratta del primo tratto del cammino che fecero i legionari romani, con Giulio Cesare, per conquistare le Gallie e, successivamente, per molti secoli, i pellegrini italiani per raggiungere il Cammino di Santiago de Compostela.

“Io e Sergio – ci ha spiegato Calvi, agricoltore ed operatore turistico- partiremo a piedi da Mentone per ripercorrere quello che in origine era la Via Julia Augusta sul territorio francese, realizzata dall’imperatore romano per conquistare le Gallie e che successivamente venne utilizzata dai pellegrini per collegare le mete di pellegrinaggio di Santiago con Roma. La percorreremo in tre tappe di una settimana circa ciascuna perchè, in una soluzione unica sarebbe stato impossibile per me. per motivi di tempo e di lavoro. L’intero percorso, infatti, necessiterebbe di circa un mese di cammino. La meta finale sarà Saint Jean Pied Port che si trova sui Pirenei, da dove inizia il percorso spagnolo del Cammino di Santiago”.

Sergio Giusto e Daniele Calvi non sono nuovi ad imprese di questo tipo. I due avevano compiuto insieme il cammino dell’ Alta Via dei Monti Liguri e Giusto in primavera aveva compiuto a piedi il viaggio spirituale Albenga-Assisi.

“In questa prima settimana- conclude Calvi- le tappe quotidiane saranno di circa 30 chilometri. La tappa più impegnativa e suggestiva sarà quella nel Parco dell’Esterel, saremo immersi nella natura senza acqua e cibo per almeno 24 ore”.

Questa impresa rappresenterà per Giusto un’ occasione di riflessione, un percorso di sacrificio fisico, che arricchirà la sua mente e servirà ad ispiragli, al ritorno ad Albenga, nuove opere. Allievo del grande Maestro Silvano Gilardello, direttore dell’ Accademia di Verona, e del noto scultore Pino Castagna, Giusto è un artista molto noto, che riesce oggi a combinare con equilibrio realtà e sogno. La sua arte è stata spesso definita dai critici “ Realismo magico”, definizione più che azzeccata per gran parte dei suoi lavori. Ma Giusto è in verità un artista versatile e poliedrico: scultore e grafico, legato all’ Art Brut ed a quella del riciclo, e non è possibile classificarlo od incasellarlo in nessuna corrente artistica contemporanea. Le sue opere fanno parte di decine collezioni private prestigiose. Ha ottenuto notevoli successi nelle Fiere di Padova, Cremona, Forlì e Zurigo e recentemente è stato elogiato da molta critica in due importanti personali tenute a Milano, Stoccolma e Cannes.
CLAUDIO ALMANZI