Home Gossip

Becchi: perché non c’è possibilità di scelta tra vaccino tradizionale e quello mRna?

0
CONDIVIDI
Vaccino tradizionale cinese Sinopharm e quello Rna messaggero di Pfizer Bio-NTech (foto di repertorio fb)

“Il principio sul quale si basano i vaccini è, come è noto, inoculare nel soggetto sano quantità attenuate (o parti di questo) dell’agente patogeno, del virus insomma, in modo da suscitare nell’organismo una reazione immunitaria capace di proteggerlo”.

Comincia così un articolo pubblicato sul blog “La zuppa di Porro” dal prof. Paolo Becchi, ordinario di Filosofia del diritto all’Università di Genova, e dal prof. Giulio Tarro, virologo e allievo di Albert Sabin (noto per avere inventato il vaccino contro la poliomielite).

“Oltre a questo beneficio – hanno spiegato Becchi e Porro – ve ne è un altro altrettanto importante: la vaccinazione del singolo individuo riduce il numero dei soggetti che possono trasmettere l’infezione, perché chi si vaccina non solo non si ammala ma non è in grado di trasmettere l’infezione.

Si può raggiungere, quindi, quella che è stata definita ‘immunità di gregge’ (herd immunity), la quale finisce con il fornire una tutela anche ai soggetti che non sono stati vaccinati.

Una qualsiasi vaccinazione per poter proteggere una comunità deve interessare una grande percentuale degli individui che la compongono; in taluni casi il vaccino può anche provocare gravi effetti sulla salute delle persone sottoposte alla vaccinazione, ma col tempo i progressi fatti nella preparazione dei vaccini tradizionali hanno ridotto di molto i rischi.

Nessun dubbio quindi sull’utilità e l’efficacia dei vaccini.

Cos’è un vaccino?

Ma cosa è precisamente un vaccino? Il vaccino viene definito come ‘mezzo biologico di difesa antinfettivo adoperato per stimolare le reazioni immunitarie verso infezioni batteriche o virali’. Questa una delle definizioni più diffuse.

Il meccanismo mediante cui agisce il vaccino è quello di stimolare la produzione degli anticorpi specifici per se stesso, in modo da neutralizzare l’effetto biologico, cioè contagio ed effetto patologico, sull’organismo ospite.

Ci sono diversi tipi di vaccini, nel caso attuale, per la verità, forse anche troppi. Ma una differenza ci pare oggi fondamentale. Alcuni utilizzano virus, altri no.

I vaccini più tradizionali sono quelli cinesi e indiani, a virus disattivato, ma anche il vaccino prodotto dai russi utilizza un adenovirus come vettore contenente le istruzioni per produrre la glicoproteina ‘spike’ che permette al virus di legarsi alle cellule umane, che utilizzerà successivamente come fotocopiatrici per creare nuove copie di se stesso.

Il nostro sistema immunitario impara a riconoscere la proteina del virus ‘ibrido’ e meno aggressivo, conservando la memoria dell’agente incontrato.

Ma come funzionano i ‘vaccini’ di Pfizer e Moderna che ora vengono impiegati in Italia?

La tecnica di iniettare non un virus ma frammenti di RNA messaggero (mRNA) consiste nell’utilizzare una molecola speculare al Dna del virus per la produzione delle proteine costituendi la particella virale che ha il fine di indurre la glicoproteina ‘spike’ del coronavirus, che viene usata per i recettori Ace2 delle cellule bersaglio al fine di produrre questi antigeni nelle nostre cellule mediante l’informazione dell’mRNA.

Viene quindi stimolata la produzione di anticorpi specifici come le immunoglobuline nei riguardi di questi antigeni specifici virali per stabilire l’immunità del soggetto vaccinato.

Si tratta dunque una nuova terapia genica, mai utilizzata prima d’ora, basata sua molecola che contiene le istruzioni per la sintesi nell’organismo umano di nuove proteine le quali dovrebbero permettere di resistere meglio all’attacco dello stesso virus.

Questa nuova tecnica può essere considerata compatibile con la definizione di vaccino entrata da tempo nell’uso?

Insomma, stanno vaccinando o stanno sperimentando su vastissima scala un nuovo farmaco?

La nuova tecnica può essere considerata compatibile con la definizione di vaccino come ‘mezzo biologico’, mentre qui si tratta di un nuovo farmaco basato su frammenti di una molecola speculare al Dna?

Sono domande lecite e non si dica che la ‘scienza’ abbia già fornito le risposte, perché la ‘vera’ sperimentazione di questo nuovo farmaco comincia adesso con le vaccinazioni. E solo tra diversi anni, forse, sapremo che effetti ha prodotto.

Vaccino, effetti collaterali.

Non è vero, si obbietta, ci sono stati i trial clinici che hanno consentito l’approvazione del farmaco.

Ci sarebbe molto da dire al riguardo, ad esempio che essi non includevano pazienti con malattie acute o instabili e pochi erano i soggetti volontari over ottanta.

Inoltre la produzione del vaccino genico si è iniziata – a quanto pare – ben prima dei risultati dei trial.

Infine il dottor Peter Doshi, scienziato dell’Università del Maryland, il 4 gennaio 2021 ha pubblicato sul British Medical Journal, come anche riportato dal New York Times, uno studio sui vaccini della Pfizer e Moderna che tra l’altro riporta l’efficacia dal 19 al 29% e non al 95% come da loro affermato.

Insomma, persino sull’efficacia sono stati avanzati dubbi. Ma il problema più grande – a nostro avviso – riguarda la sicurezza di questi ‘vaccini’.

Chi può oggi escludere che questi ‘vaccini’ non possano indurre una risposta infiammatoria non specifica nei riguardi dell’mRNA che aumenta la risposta specifica ed immune?

Sappiamo che nel caso di una infezione virale che infetta i linfociti, produttori degli anticorpi, vengono sintetizzate nuove proteine umane chiamate fattori di trascrizione.

In altre parole, alcune regioni del genoma del virus si legano al genoma delle cellule umane.

Questa unione virale con i fattori di trascrizione umana modificano l’espressione dei geni virali vicini.

Si è visto di recente che viene messo in opera un meccanismo di attivazione di alcuni geni umani associati che predispongono al rischio di malattie autoimmuni, come il lupus, la sclerosi multipla, l’artrite reumatoide, le malattie infiammatorie intestinali, il diabete di tipo 1, l’artrite idiopatica giovanile e la malattia celiaca.

Inoltre, nei soggetti in età fertile l’RNA messaggero potrebbe indurre modifiche sugli spermatogoni o sugli ovuli con prospettive di alterazioni genetiche nei feti che solo il tempo potrà essere in grado di escludere.

Non è forse questa la ragione per cui questo tipo di vaccino viene sconsigliato alle donne incinte, come pure viene sconsigliata la gravidanza fino a due mesi dopo la sua inoculazione?

Ma allora perché non sconsigliare questo farmaco non solo alle donne incinte ma anche ai soggetti in età fertile?

Ora però dopo quello che è successo in Norvegia in questi giorni pare che anche per gli anziani ci siano problemi.

In Norvegia si sta cercando di approfondire il decesso di 23 persone anziane che sono decedute dopo il ‘vaccino’ contro il coronavirus prodotto dalla Pfizer – BioNtech.

Si presume che gli effetti collaterali comuni possano contribuire ad un peggioramento delle patologie gravi nelle persone anziane.

Tali decessi hanno fatto sì che il ‘vaccino’ Pfizer non venga più inoculato in Norvegia nei pazienti anziani ‘molto fragili’ evidentemente perché c’è il sospetto che il vaccino dia loro il colpo di grazia.

Anche negli Stati Uniti ci sono già 55 morti avvenute dopo l’uso di vaccini che utilizzano l’RNA messaggero.

Dobbiamo correre tutti questi rischi di fronte ad un farmaco approvato in fretta e furia, che al momento ci viene di fatto imposto come unico vaccino, anche se propriamente non è un vaccino?

Un vaccino inventato da una piccola azienda tedesca biotecnologica, sino a ieri con i conti in rosso, che da tempo senza successo lavorava su quella molecola RNA per altri fini e che ora grazie all’americana Pfizer (seconda tra le Big Pharma mondiali) si è trasformata nel ‘viagra’ dei vaccini?

Un ‘vaccino’ che garantisce una breve immunità individuale e che quindi dovrà essere ripetuto a distanza circa di un anno, e che tra l’altro non è neppure in grado di impedire agli stessi vaccinati la trasmissione del virus?

E ancora, perché l’Italia non ha prodotto un suo vaccino a virus inattivato o a vettore virale e invece dobbiamo diventare le cavie di Pfizer, con il rischio, tra l’altro, di non avere nei tempi prescritti la seconda dose del vaccino che è indispensabile per la sua efficacia?

Perché non offrire ai cittadini italiani la possibilità di scegliere tra un vaccino tradizionale e questo nuovo farmaco?

Perché il 25 % dei medici o forse più – non sarebbe male un sondaggio al riguardo di Alessandra Ghisleri – non vorrebbe fare il Pfizer o il Moderna?

Dubbi sull’efficacia dei vaccini.

Beninteso, noi non abbiano niente in contrario riguardo alle ricerche su questa molecola che è capace di interagire con molte altre molecole, abbiamo solo dei dubbi sul fatto che essa possa funzionare come un vaccino e non siamo gli unici ad avere questi dubbi.

Una genetista francese che da tempo si occupa dell’RNA, la dottoressa Alexandra Henrion-Caude, che dirige in Francia un Istituto di ricerca genetica, ha di recente manifestato dubbi analoghi.

La produzione di proteine è regolata da alcuni interruttori, l’epigenoma, che dicono alle cellule di leggere le informazioni contenute nel gene. Questi interruttori accendendosi e spegnendosi agiscono sulla metilazione.

Questo può succedere nel nostro organismo anche quando vi introduciamo la molecola RNA messaggero. Ora, elevati livelli di metilazione producono una inattivazione, un ‘silenziamento’, di quei geni oncosoppressori che ci proteggono dai tumori. Anche di questo bisognerebbe tener conto.

Amarcord.

I vaccini antipolio, tipo Sabin, che si somministravano per via orale contengono virus attenuati che moltiplicandosi per un breve periodo nell’intestino, determinano la produzione di anticorpi e quindi l’immunizzazione.

Chi faceva questo vaccino era immune per lungo tempo o forse addirittura per sempre e immunizza anche gli altri.

Chi oggi si vaccina con Pfizer o Moderna si immunizza per pochi mesi, può infettare gli altri e non possiamo neppure escludere che metta a rischio la propria salute”.