Home Politica Politica La Spezia

ATC Spezia chiude la caccia al cinghiale, De Paoli chiede dimissioni di Canata e Bonanini

0
CONDIVIDI
Giovanni De Paoli con ministro del Turismo e dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio (Lega)

“Ambito territoriale di caccia della Spezia da commissariare”.

Lo ha dichiarato oggi il consigliere regionale Giovanni De Paoli (Lega).

“Registriamo quotidianamente – ha spiegato De Paoli – lamentele dalle aziende agricole e forti preoccupazioni dei cittadini del nostro territorio per i danni provocati dai cinghiali, che spesso scorrazzano per le strade provocando anche incidenti. E l’ATC che fa? Anziché prendere atto della proroga del periodo di attività venatoria al cinghiale a tutto gennaio, come comunicato da Regione Liguria, sceglie di chiudere la caccia.

Inoltre, il presidente Roberto Canata e il direttore Antonio Bonanini, hanno addirittura messo in discussione la legge regionale.

Ci chiediamo, quindi, da che parte stiano i responsabili dell’ATC spezzino. Se da quella del territorio e quindi degli agricoltori e dei cacciatori, oppure da quella degli ambientalisti da salotto.

Chiudere la caccia al cinghiale è stata una scelta politica dei responsabili dell’ATC, che peraltro non risulta condivisa con il territorio.

Infatti, il quantitativo di capi abbattuti durante la stagione venatoria (1232) è lontano anni luce dal contingente previsto e autorizzato per l’ambito spezzino (4403). In sostanza, risulta che a oggi ne siano stati abbattuti solo il 27,95% rispetto al consentito.

Se tale disdicevole decisione, che può rappresentare un danno per le aziende agricole e il territorio, sarà mantenuta, il presidente Roberto Canata e il direttore Antonio Bonanini dovranno trarne le conseguenze rassegnando le dimissioni dai loro incarichi”.