Home Politica Politica Genova

A Genova libertà di pensiero, centrodestra respinge mozione contro Pro Vita

0
CONDIVIDI
Pillola abortiva RU486, manifesto Pro vita e Famiglia

Diritti e libertà di pensiero. Il consiglio comunale di Genova oggi ha respinto la mozione che invitava il sindaco e la giunta a revocare l’affissione dei manifesti Pro Vita, con i 21 voti contrari della maggioranza e i 14 favorevoli della minoranza.

Giunta Bucci: nessun divieto e rimozione manifesti, libertà di pensiero è un diritto

A presentare il documento era stato il centrosinistra, con il sostegno del Movimento 5 Stelle, ma già in riunione capigruppo era chiaro che la decisione sarebbe stata contraria visto che la maggioranza voleva far scattare l’inammissibilità della discussione in aula per “mancanza di interesse pubblico”.

A Genova i manifesti erano stati imbrattati e, in tal senso, i responsabili di Pro Vita avevano parlato di “metodi fascisti”.

Pillola abortiva, manifesti imbrattati a Genova. Circolo Pro vita: metodi fascisti

La minoranza a Tursi ha contestato il fatto che sui manifesti la pillola abortiva venga paragonata a un veleno e sostiene che il messaggio sia “fuorviante, inopportuno e lesivo della sensibilità delle donne”, oltre che “un attacco ai loro diritti duramente conquistati con decenni di lotte e battaglie sociali”.

Nei giorni scorsi, dopo le manifestazione e le azioni contro i manifesti, il Comune di Genova aveva chiarito con una nota che non avrebbe fatto nulla per rimuoverlo.

“In altre città come Roma, Torino, Milano e Bergamo i sindaci hanno invece preso la decisione di togliere i manifesti e di vietarne l’affissione futura” hanno ricordato i consiglieri del gruppo Pd.