Home Cultura Cultura Genova

71a Festa del ringraziamento, a S.Stefano D’Aveto

0
CONDIVIDI
71a Festa del ringraziamento, a S.Stefano D'Aveto
71a Festa del ringraziamento, a S.Stefano D'Aveto

71a Festa del ringraziamento, a S.Stefano D’Aveto, importante momento di aggregazione nella Giornata provinciale del Ringraziamento

71a Festa del ringraziamento, a S.Stefano D’Aveto, voluta e animata nel segno della tradizione della cultura contadina.

Nel 2020, a causa della situazione emergenziale dovuta al Covid-19, non era stato possibile celebrale la giornata ma quest’anno, nel pieno rispetto delle misure di contenimento dell’epidemia, Coldiretti Genova ha voluto dare un segnale di vicinanza a tutti i suoi associati e, in particolare, alle aziende del delicato territorio della Val d’Aveto.

Così, domenica 28 novembre, durante la Santa Messa celebrata presso il Santuario della Madonna di Guadalupe, sono stati portati i tradizionali cesti con i prodotti della terra per la rituale benedizione benaugurante per il nuovo anno agrario. Successivamente, è stata impartita la benedizione agli agricoltori, alle loro famiglie e ai trattori schierati sul piazzale antistante la chiesa.

Un’occasione speciale che ha visto una grande partecipazione degli associati Coldiretti, del Presidente Luca Dalpian, del Vicepresidente Paolo Corsiglia, dei Consiglieri Mazza Francesco e Massimo Solari, delle Delegate del movimento Pensionati regionale e provinciale Angela Romaggi e Adriana Podestà, e del Direttore Paolo Campocci. Presente alla celebrazione anche la Vicesindaco di Santo Stefano d’Aveto Sabina Pareti.

“La Giornata del Ringraziamento –affermano il Presidente di Coldiretti Genova Luca Dalpian e il Direttore Provinciale Paolo Campocci– viene festeggiata dalla Coldiretti in tutta Italia per rendere grazie per il raccolto dei campi; è senza dubbio una giornata di preghiera e riflessione, dove la tradizione incontra il presente, momento ideale per fare bilanci e progetti per il futuro.

In questo lungo periodo di pandemia la nostra agricoltura non si è mai fermata e pur sofferente ha dato de sguaines, come sempre, il suo importante contributo all’economia del nostro territorio.

Le nostre imprese guardano con speranza al futuro con la consapevolezza di svolgere un ruolo importante per l’economia e la tutela ambientale e sociale del nostro paese”.