Home Cronaca Cronaca Genova

31 patenti ritirate e 794 sanzioni per telefonini a Genova

0
CONDIVIDI
31 patenti ritirate e 794 sanzioni per telefonini a Genova

Controlli straordinari del territorio per la sicurezza della circolazione

31 patenti ritirate e 794 sanzioni per telefonini, cinture di sicurezza, limiti di velocità e guida in stato di ebbrezza

Durante la settimana sono stati posti in essere dal Corpo una serie di servizi straordinari di controlli tesi a contrastare i comportamenti alla guida che mettono a rischio la sicurezza della circolazione e della propria incolumità. Le pattuglie hanno controllato l’uso non corretto del cellulare alla guida, il mancato uso delle cinture di sicurezza, il rispetto dei limiti di velocità e la guida sotto l’influenza di alcol

A conclusione della settimana risultano effettuate 267 sanzioni per uso non corretto del cellulare, 294 sanzioni per mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, 166 sanzioni per violazione dell’art. 141 del codice della strada, ovvero velocità non commisurata alla strada, 38 sanzioni per violazione dell’art. 142 del codice della strada, ovvero superamento dei limiti di velocità, con due patenti ritirate per superamento dei limiti di velocità di oltre 40km orari;  e  sono stati controllati con il pretest etilometrico 1409 conducenti, con 29 sanzioni per guida in stato di ebbrezza, di cui 23 con un tasso alcolemico di oltre 0,8 grammi per litro.

I controlli sono stati compiuti in tutti i municipi cittadini, il maggior numero di infrazioni per abuso di sostanze alcoliche è stato registrato nel territorio del Municipio Centro Levante, specificatamente nel complesso viario circostante il centro storico, come il maggior numero di infrazioni per uso non corretto del cellulare, mentre il mancato uso delle cinture di sicurezza  è maggiore nel Municipio bassa Valbisagno, e le infrazioni legate alla velocità dei veicoli si concentrano nel Municipio Levante

Nel numero delle sanzioni una parte  cospicua è relativa alla velocità non commisurata alla strada, ai sensi dell’art. 141 cds che, per la sicurezza della circolazione,fissa i principi che devono regolare la velocità dei veicoli in particolari condizioni di guida, per cui il conducente deve regolare la velocità in modo che, avuto riguardo alle caratteristiche, allo stato ed al carico del veicolo stesso, alle caratteristiche e alle condizioni della strada e del traffico e ad ogni altra circostanza di qualsiasi natura, sia evitato ogni pericolo per la sicurezza delle persone e delle cose ed ogni altra causa di disordine per la circolazione.

Il conducente deve sempre conservare il controllo del proprio veicolo ed essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l’arresto tempestivo del veicolo dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile. In particolare, il conducente deve regolare la velocità nei tratti di strada a visibilità limitata, nelle curve, in prossimità delle intersezioni e delle scuole o di altri luoghi frequentati da bambini indicati dagli appositi segnali, nelle forti discese, nei passaggi stretti o ingombrati, nelle ore notturne, nei casi di insufficiente visibilità per condizioni atmosferiche o per altre cause, nell’attraversamento degli abitati o comunque nei tratti di strada fiancheggiati da edifici.
Il conducente deve, altresì, ridurre la velocità e, occorrendo, anche fermarsi quando riesce malagevole l’incrocio con altri veicoli, in prossimità degli attraversamenti pedonali e, in ogni caso, quando i pedoni che si trovino sul percorso tardino a scansarsi o diano segni di incertezza e quando, al suo avvicinarsi, gli animali che si trovino sulla strada diano segni di spavento.