Home Politica Politica Genova

Toti: in Liguria 81% pazienti in terapia intensiva non sono vaccinati

0
CONDIVIDI
Governatore ligure Giovanni Toti (foto di repertorio)

“Mercoledì 12 gennaio alle 18 sul portale regionale ‘prenotovaccino’ e alle 8 del giorno successivo tramite tutti gli altri canali, partiranno le prenotazioni per la dose booster relativa alla fascia tra i 12 e i 15 anni. Le prime vaccinazioni saranno somministrate già da giovedì 13.

A differenza di quanto comunicato inizialmente, per quanto riguarda lo screening degli alunni delle scuole i tamponi saranno gratuiti per tutti, dalla scuola materna fino alle superiori.

Come prevede la normativa i tamponi devono essere richiesti dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta che dovrà prescriverli utilizzando la ‘ricetta rossa’, che prevede che il tampone sia a carico del sistema sanitario regionale”.

Lo ha riferito ieri sera il governatore e assessore regionale alla Sanità Giovanni Toti .

“Nelle terapie intensive della Liguria – ha aggiunto Toti – su 43 ricoverati l’81%, cioè 34 persone, non è vaccinato, 6 sono ricoverati per motivi non legati alla Covid, ma sono comunque risultati positivi. Quindi solo 3 persone vaccinate sono in terapia intensiva per motivi legati alla Covid.

Nel reparto di Malattie infettive del San Martino su 19 ricoverati totali, 16 non sono vaccinati, 2 sono vaccinati con due dosi fatte più di 6 mesi fa, e questo sottolinea l’esigenza di correre sulle dosi booster, 1 persona è ricoverato per altre patologie.

Questo conferma che il vaccino, se in qualche modo lascia campo alla circolazione del virus in termini di possibilità di infettarsi, è effettivamente un fortissimo baluardo di fronte alla degenerazione acuta della malattia se completato nei tempi corretti.

Dal momento in cui sono stati di fatto equiparati i tamponi antigenici ai molecolari l’inizio e la fine dell’isolamento possono essere certificati da un tampone effettuato da tutti i circuiti accreditati senza la verifica di un tampone molecolare.

E’ necessario sottolineare che chi ha fatto un tampone in farmacia o nei centri accreditati per uscire dall’isolamento, per ottenere il Green pass rafforzato deve comunicare il risultato del tampone al medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta in quanto è necessario il certificato di guarigione.

Ricordo, inoltre, che in vista dell’apertura delle prenotazioni per la dose booster della fascia 12-15 e delle nuove disposizione governative abbiamo chiesto alle aziende di allargare ulteriormente l’agenda delle prenotazioni per facilitare l’accesso, e di portare le somministrazioni alle 100mila dosi a settimana”.

Filippo Ansaldi, direttore generale Alisa, ha aggiunto: “Il dato principale che dobbiamo guardare ogni giorno è quello della pressione ospedaliera. Nell’ultima settimana abbiamo avuto un incremento significativo a seguito del quale siamo pronti ad incrementare il numero dei posti letto Covid in base al piano già programmato.

Fa però ben sperare il fatto che negli ultimi due giorni la crescita dei ricoveri si è attenuata.

In particolare abbiamo chiesto alle aziende di individuare nuovi posti letto per le RSA Covid, che saranno gestite dalla Protezione Civile.

Abbiamo richiesto, in particolare alle Asl del ponente di selezionare le strutture che possano ospitare ricoveri a bassa intensità. Siamo sulla buona strada”.