Home Spettacolo Spettacolo Genova

Talking to the Trees al Cinema Cappuccini

0
CONDIVIDI
La locandin di Talking to the Trees

Film che racconta la tragedia dei minori costretti a prostituirsi

Il 14 gennaio alle ore 21,15 è in programma al Cinema Cappuccini un film che indigna e fa pensare.

Una storia commovente  e appassionante, ispirata a fatti reali, della regista Ilaria Borrelli, un film-denuncia girato nel paesaggio di incredibile e lussureggiante bellezza della foresta cambogiana, che tocca con delicatezza un tema crudo, ma non solo un pugno allo stomaco per le nostre coscienze.

Mia, una donna come tante, con pregi e debolezze, va in Cambogia per fare un figlio col marito, commerciante stanziato in quel paese: sul posto scopre che Xavier frequenta un bordello di prostitute bambine, una delle quali, Srey, è la preferita.

Sotto choc, Mia  decide di portare via da quel luogo di schiavitù Srey e il suo fratellino, anche lui prossimo ad essere avviato alla prostituzione, e una terza creatura.

Tre bambini incredibilmente maturi e consapevoli, dai quali riceve per prima la forza per continuare a vivere.

Il film contiene un messaggio positivo di speranza, che la piaga della prostituzione minorile sia presto sconfitta.

Talking to the Trees è un percorso attraverso un paese  affascinante e pericoloso, dove regnano corruzione, prostituzione minorile e  violenza quotidiana, anche sotto forma di rapimento programmato di bambini da inserire nei bordelli frequentati da comitive di occidentali, purtroppo anche da giovani laureati futuri manager: in numero prevalente italiani e tedeschi, secondo le  statistiche dell’associazione umanitaria Ecpat, attiva nel contrastare il vergognoso fenomeno soprattutto in Cambogia.

La legge contro il turismo sessuale esiste, è la legge  269/1998, ma purtroppo viene scarsamente applicata.

“Il linguaggio delle emozioni – dice Ilaria Borrelli – è l’unico modo per raggiungere gli esseri umani nella speranza di effettuare un cambiamento duraturo, cominciando da noi stessi. Il  sogno sarebbe che  il film possa raggiungere anche qualche pedofilo e riuscire a fargli cambiare idea, rendendosi conto del male  che si sta infliggendo a dei bambini indifesi. Penso che un film può essere catartico, può aiutare un assassino a pentirsi di aver ucciso, una vittima a riappropriarsi della sua vita.”

°°°°°°°°°°°
Ilaria Borrelli, scrittrice, sceneggiatrice, attrice e regista ha frequentato l’Accademia d’Arte Drammatica e successivamente,  negli Stati Uniti,  l’Actors’ Studio e la New York University; vive a New York. E’ stata protagonista di diverse serie televisive italiane e francesi.  Il suo primo romanzo, “Scosse”, è stato premiato dal Club Letterario Italiano, ha ricevuto una segnalazione d’onore dal Premio Firenze e dal Premio Prévert, ed è stato finalista al Premio Calvino. Ha girato due cortometraggi da regista e attrice.

Nel 2002 firma la sua prima regia di un lungometraggio con “Mariti in affitto”, una commedia con Maria Grazia Cucinotta, Alessandro Gassman e Mariah Carey.

ECPAT è l’ente italiano in Roma che opera anche in Cambogia contro la prostituzione minorile ed organizza corsi nelle scuole italiane per sensibilizzare e proteggere i minori.

Elisa Prato