Home Politica Politica Genova

Spese pazze, Corte Conti condanna il senatore leghista Bruzzone

0
CONDIVIDI
Senatore Francesco Bruzzone (Lega)

La Corte dei Conti della Liguria, nell’ambito dell’inchiesta sulle cosiddette ‘spese pazze’ in Regione, ha condannato l’ex presidente del consiglio regionale della Liguria ed attuale senatore della Lega Francesco Bruzzone a risarcire oltre 33 mila euro.

I conti esaminati dalla procura contabile e contestati a Bruzzone sono riguardano il 2008, quando lo stesso Bruzzone era consigliere regionale dell’allora Lega Nord.

La procura contestava a Bruzzone le spese giudicate non inerenti all’attività istituzionale, come quelle di acquisto o noleggio di attrezzature, spese di trasporto, rimborsi per convegni o seminari.

In alcuni casi, la documentazione delle spese non riportava l’indicazione del beneficiario, in altri, invece, l’intestazione risultava aggiunta dallo stesso utilizzatore oppure non riportava alcuna motivazione istituzionale. I giudici contabili hanno accolto totalmente la tesi della procura, condannandolo a risarcire per 33 mila euro le spese giudicate illegittime.