Home Consumatori Consumatori Genova

Se la sostenibilità è un valore per il territorio: convegno a Genova

0
CONDIVIDI
Villa Migone a Genova San Fruttuoso

Nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile, la cooperativa Agorà organizza oggi, 6 giugno 2019, alle ore 15, l’evento “I Territori e la Sostenibilità” presso Villa Migone, in via San Fruttuoso 68/3, a Genova, con il patrocinio del Municipio 3 Bassa Val Bisagno del Comune di Genova.

L’idea alla base dell’evento è porre l’accento sul valore dei territori urbani nell’accogliere piccoli grandi progetti di sviluppo sostenibile, come declinazione pratica dei principi e degli obiettivi stabiliti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, con l’intento di raccontare alcuni casi di sostenibilità “a due passi da casa”.

La sensibilizzazione di cittadini, istituzioni ed imprese è la parola d’ordine per trovare una nuova rotta possibile nel vivere in città, soprattutto in un’ottica di coinvolgimento comune e di conservazione dell’ambiente e della cultura.

Nel dettaglio, il programma prevede la presentazione del progetto #bookriders, di Agorà per i territori collinari del CEP di Prà, il Municipio III porta all’attenzione un modello di “social market”, che ha avviato e finanziato nel 2013, che in seguito ha affidato a una rete di soggetti per la distribuzione di prodotti alimentari a famiglie in difficoltà economica, in cambio di lavori di utilità sociale, ove possibile.

Un gruppo di studenti dell’Istituto Marsano sta contribuendo da mesi alla cura del verde del Cimitero Staglieno e di Villa Imperiale, sotto la guida di uno dei docenti. La casa editrice Andersen, famosa anche per l’organizzazione del Premio letterario omonimo appena conclusosi, approfondisce il patrimonio letterario legato al territorio, a cui si sta dedicando attenzione assieme alla municipalità locale per tutelare l’archivio della scrittrice Beatrice Solinas Donghi a Serra Riccò. Un ponte tra territori… d’oltremare su cultura e tradizioni è la parte che la ditta Parodi&Parodi di Campomorone sta portando avanti da un paio di anni con l’aiuto di alcuni volontari, per mantenere viva la memoria e creare connessioni tra comunità di liguri e discendenti sparsi per il mondo.

Il territorio è anche la culla di progetti di inclusione lavorativa che possono diventare “brand” di imprenditoria giovanile, come nel caso raccontato dalla cooperativa “E’ buono”, nata nel quartiere di San Fruttuoso dalla Consulta Diocesana, per poi gemmare a Nervi, Marassie nella città di Bologna.

Coop Liguria ha dalla nascita il territorio nella sua mission, viste le numerose iniziative che declina ogni anno nei diversi quartieri in cui gestisce i suoi punti vendita.

Per finire, il Museo di Villa Croce propone il concetto che è alla base della mostra “Art Spaces”, in corso presso il museo genovese, dove si esplicita il rapporto tra salvaguardia del territorio e tutela delle generazioni future, attraverso l’arte e il coinvolgimento di ben 52 artisti.

Agorà è una grande cooperativa sociale con oltre 500 tra soci e dipendenti, ben radicata sui territori cittadini da quasi 25 anni, dove opera nell’ambito dei servizi alla persona.

E’ socio fondatore di Eticlab, che ha appena organizzato il Salone della CSR a Palazzo della Meridiana del 24 maggio, ed è uno dei firmatari della nuova rete Liguria 2030, nata durante il Salone e promossa dall’associazione ASVIS per creare un tavolo di lavoro multistakeholder a tema sviluppo sostenibile. “Si è deciso di realizzare un evento specifico su queste tematiche al fine di offrire spunti pratici e non solo teorici nell’ambito della sostenibilità”, spiega Alessandra Grasso della comunicazione di Agorà ed organizzatrice dell’evento, “in modo da creare non solo delle reti ma con lo scopo di fare partecipare ogni singolo soggetto a questo grande progetto volto alla tutela del territorio e del nostro futuro”.

Evento gratuito, è gradita la prenotazione agrasso@consorzioagora.it 010.2091901.

Roberto Polleri