Home Cronaca Cronaca Italia

Salvini firma subito semplificazione antimafia: ricostruzione ponte più vicina

0
CONDIVIDI
Val Polcevera, il Ponte Morandi

“Fatti non parole. Genova avanti tutta per la ricostruzione del ponte. Oggi è entrata in vigore la legge di conversione del decreto sulle urgenze e oggi, senza perdere tempo, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha firmato subito il nuovo decreto per la semplificazione della documentazione antimafia per la ricostruzione del viadotto autostradale sul Polcevera”.

Lo ha riferito oggi il capogruppo regionale Franco Senarega (Lega). Il ministro Salvini aveva due settimane di tempo per firmare, ma ha anticipato i tempi. Con questo provvedimento, in sostanza, si potrà accelerare la ricostruzione.

“Il gruppo regionale della Lega – ha aggiunto Senarega – ringrazia il ministro Salvini e il nostro viceministro delle Infrastrutture e Trasporti Edoardo Rixi, i quali ancora una volta hanno dimostrato di lavorare seriamente e in modo efficace anche per Genova e la Liguria, abbandonate da anni dal Pd e dalla sinistra che alla Camera e al Senato hanno infatti votato contro il Decreto Genova.

Siamo tutti uniti con Salvini perché, come ha dichiarato il ministro, il capoluogo ligure merita risposte immediate e non possiamo permetterci di perdere nemmeno un’ora.

Ricordo che il commissario per la ricostruzione e sindaco di Genova Marco Bucci nei giorni scorsi ha nominato come subcommissario il magistrato Piero Floreani, ex procuratore della Corte dei Conti di Torino”.

Ciò nonostante, il presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) Raffaele Cantone, anche lui magistrato, oggi sui RaiTre ha continuato a esprimere alcune riserve: “Dietro l’emergenza c’è sempre un grande rischio di speculazione. Mi auguro che a Genova questo non avvenga, il Commissario sta facendo molto per evitarlo, ha chiesto anche noi un intervento che faremo”.

Intanto, stamane il sindaco Bucci ha riferito che saranno necessarie almeno due settimane per demolire il cavalletto della pila 9 del Ponte Morandi. Si tratta del grosso basamento di calcestruzzo che interrompe via Perlasca.

“Stiamo lavorando – ha spiegato Bucci – per aprire corso Perrone venerdì sera e stiamo intervenendo sulle macerie della pila 9, quella crollata. A Natale si potranno già vedere alcuni risultati. Avremo aperte via Perlasca e corso Perrone, oltre a via 30 giugno e via della Superba che già sono disponibili. Poi il lotto 10 aperto. Entro Natale cominceremo a demolire il ponte. Il mio piano prevede l’inizio dei lavori per il cantiere il 15 dicembre”.

“Sono soddisfatto – ha dichiarato il viceministro Rixi – perché grazie alla firma, da parte del ministro Salvini, del decreto per la semplificazione della documentazione antimafia, il commissario Bucci potrà usare procedure più snelle per l’affidamento dei lavori per la ricostruzione del Ponte Morandi e dare quelle risposte che Genova e i genovesi aspettano, in tempi veloci, per poter ripartire”.