Home Economia Economia Mondo

Principato di Monaco: design, innovazione e sostenibilità parlano italiano

0
CONDIVIDI
S.E. Cristiano Gallo, Ambasciatore d’Italia nel Principato di Monaco accoglie Fabio Lamborghini, ospite d’onore.

Una serata esclusiva all’insegna dell’eccellenza made in italy ha accolto, giovedì 26 aprile 2018, nella Salle d’Or dell’Hotel Fairmont di Monte Carlo un parterre esclusivo per celebrare la Giornata della Ricerca Italiana nel Mondo.

Un appuntamento annuale promosso dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero della Salute, al fine di valorizzare la capacità creativa e innovativa italiana in grado di imporsi nel mondo per l’unicità del design e della tecnologia con una sempre maggiore attenzione per gli aspetti sociali, economici e ambientali, alla base del concetto stesso di “Sostenibilità Ambientale”.

«Molto nasce dalla Ricerca, un settore strategico nel Sistema Paese (con più di 250 mila soggetti coinvolti) che affonda le sue radici nel Rinascimento in cui già gli artisti dimostravano di saper sperimentare nuove tecniche e materiali per creare opere d’arte e monumenti dal design unico che diventavano ben presto simbolo della superiorità artistica italiana», queste le parole introduttive di S.E. Cristiano Gallo, Ambasciatore d’Italia nel Principato di Monaco.

Le “fabbriche delle idee” continuano a rappresentare un prezioso laboratorio che genera progresso all’insegna di quel “vivere all’italiana” sinonimo di qualità in tutto il mondo. Ecco dunque che la serata “Ricerca, Tecnologia e Sostenibilità Italiane in mostra a Monaco”, in collaborazione con l’agenzia Communiqué, ha voluto dare voce ad alcune eccellenze imprenditoriali.

L’ingegnere Gianluca Gottardi è il titolare della G&G di Trento, giovane azienda nata nel 2013, specializzata nell’ingegneria di materiali innovativi. «Ho voluto sfidare l’apparente fragilità del vetro, materiale nobile ben conosciuto dall’uomo, trasformandolo in elemento strutturale», ha affermato l’ingegnere presentando la sedia e la poltrona “G”, che ben dimostrano la capacità del vetro di resistere alle sollecitazioni. Qualità sperimentata in altri progetti della G&G in territorio monegasco (es.: Grimaldi Forum).

Ma Ricerca significa anche rendere più vivibili le nostre case con l’utilizzo di materiali resistenti ma allo stesso tempo ecologici. Su queste premesse nasce “ArteViva”, un sistema innovativo di rivestimento a spessore eco-compatibile, sottile (2mm) e adattabile a varie superfici (es.: pavimenti, bagni, tavoli, scale, ecc.) nato dall’idea di Daniele Fabiani.

Ricerca significa, infine, osare e farlo al meglio! Lo ha testimoniato l’appassionato racconto di Fabio Lamborghini, nipote del celebre imprenditore Ferruccio, fondatore del famosissimo brand automobilistico. Uno spiccato senso della meccanica e quel imprinting, tutto emiliano, per i motori lo portarono a trasformare in tempi record l’azienda di famiglia, specializzata in trattori, caldaie e bruciatori, nel fiore all’occhiello dell’ingegneria automobilistica italiana. Tra i marchi più celebri al mondo e status symbol di un’intera generazione di artisti: da Mina a Celentano, da Little Tony a Frank Sinatra. «Tutto nacque da una provocazione amichevole di Enzo Ferrari che mise in discussione la capacità di mio zio di poter migliorare le performance di guida di una dream car come la Ferrari», sottolinea Fabio Lamborghini, ricordando l’amicizia che lo lega alla famiglia Ferrari. La creatività italiana non ha davvero limiti quando vuole raggiungere la sua espressione più alta. Non sottovalutiamo le nostre capacità!

Maurizio Abbati