Home Sport Sport Genova

Palazzo Ducale, mostra fotografica i Ribelli dei Gradoni

0
CONDIVIDI
Palazzo Ducale, inaugura la mostra fotografica 1969-2019 i Ribelli dei Gradoni.

Palazzo Ducale, inaugura la mostra fotografica 1969-2019 i Ribelli dei Gradoni.

Giovedì 12 settembre alle 18, nella sala Liguria di Palazzo Ducale, verrà inaugurata la mostra fotografica dal titolo 1969-2019 Genova e i Ribelli dei Gradoni.

L’esposizione, che rimarrà visitabile gratuitamente fino al 22 settembre, intende ripercorrere e festeggiare i 50 anni degli Ultras Tito Cucchiaroni, uno dei maggiori gruppi organizzati tra quelli della “gradinata sud”, settore dello stadio Luigi Ferraris animato dai tifosi della. Sampdoria.

L’intento, attraverso una serie di scatti legati al tifo, è quello di ripercorrere la storia degli Ultras Tito Cucchiaroni e la loro passione per la squadra blucerchiata, intrecciando il racconto con gli eventi salienti che hanno caratterizzato la città di Genova.

«Genova e i ribelli dei gradoni non è solo una mostra sul tifo ultras della Sampdoria, ma anche uno spaccato degli ultimi 50 anni di storia genovese – commenta Barbara Grosso, assessore alle Politiche culturali del Comune di Genova – Attraverso questo allestimento fotografico che parte dal tifo organizzato, si snoda la narrazione dei fatti salienti che hanno riguardato la nostra città, dagli anni ‘70 del secolo scorso. Una rassegna dedicata, quindi, non solo ai tifosi sampdoriani ma all’intera città di Genova, a dimostrazione che il calcio, come ogni sport, è un qualcosa che aggrega e che emoziona».

«Questa è una mostra che mette al centro, attraverso lo sport, Genova – dichiara Ilaria Cavo, assessore allo Sport di Regione Liguria – La ricorrenza del 50esimo di fondazione degli Ultras Tito Cucchiaroni, diventa un pretesto per raccontare la città, le sue evoluzioni, il suo rapporto con la tifoseria negli anni. È un flusso scandito dal tempo che mette in evidenza quanto la storia della città ha influito sul tifo ma anche viceversa, quanto il tifo ha influito sulle dinamiche della città. L’allestimento ben si adatta agli appassionati di calcio, ma può essere di grande interesse anche per chi non coltiva questa passione, ma vuole conoscere meglio i fatti che nell’ultimo mezzo secolo hanno interessato il capoluogo genovese. Il calcio è spesso in grado di diventare un grande volano di aggregazione e appuntamenti come questo ne sono sicuramente un esempio efficace».

Ultras Tito Cucchiaroni, nato nel 1969, è uno dei gruppi più longevi del movimento ultras italiano ed è tra i primi al mondo, se non il primo, ad aver utilizzato il termine “ultras”. È presente a Genova, in Italia e in Europa per sostenere l’U.C. Sampdoria, fondata il 12 agosto 1946. Gli Utras Tito Cucchiaroni rappresentano anche un polo aggregativo, in grado di attirare giovani e meno giovani in una città come Genova, orgogliosa e come poche capace di rialzare la testa quando il destino lo richiede.

«Abbiamo deciso di ripercorrere questi cinquant’anni tramite una timeline, per creare una narrazione dei momenti più importanti della storia del gruppo – spiegano gli organizzatori – Sarà quindi un filo conduttore temporale a guidare i visitatori attraverso un percorso di immagini che hanno segnato la vita, i passaggi fondamentali, i momenti di rottura e trasformazione del gruppo Ultras Tito Cucchiaroni, dal 1969 ad oggi. Ad arricchire questo viaggio e contestualizzarlo nel tempo, gli avvenimenti che hanno lasciato un segno nella memoria collettiva di Genova che, con i suoi cambiamenti sociali, economici, strutturali, ha inevitabilmente accompagnato gli Ultras Tito Cucchiaroni in questo mezzo secolo, così come gli UTC hanno a loro volta lasciato un segno nella storia della città».