Home Spettacolo Spettacolo Genova

Homo Ridens Teatro in pausa pranzo con Fantozzi

0
CONDIVIDI
Homo Ridens Teatro in pausa pranzo con Fantozzi

Marco Taddei e Fabrizio Careddu presentano A pranzo con Fantozzi letture da Paolo Villaggio al Teatro Nazionale Genova

La terza e ultima tranche della rassegna Homo Ridens – Teatro in pausa pranzo è interamente dedicata al celebre ragioniere nato dalla fantasia di Paolo Villaggio. Da lunedì 2 a venerdì 6 dicembre alle ore 13.15 Marco Taddei (nella doppia veste di attore e regista) e Fabrizio Careddu presenteranno una serie di reading, diversi ogni giorno, tratti dai libri di Paolo Villaggio.

Inetto e sfortunato, “prototipo del tapino e quintessenza della nullità”, come lo definì lo stesso Villaggio, il personaggio di Ugo Fantozzi fa la sua prima comparsa alla fine degli anni ‘60 nei monologhi umoristici che l’autore faceva sia dal vivo che in tv. Ispirato a persone con cui il comico genovese aveva realmente lavorato all’Italsider, Fantozzi, costruito sull’iperbole, diventa il simbolo dell’uomo medio vessato dalla società, prigioniero di un’invincibile sudditanza psicologica nei confronti del potere.

Il primo libro, intitolato semplicemente Fantozzi, esce nel 1971 ed è subito un enorme successo, a cui faranno seguito Il secondo tragico libro di Fantozzi (1974), Fantozzi contro tutti (1979), Fantozzi subisce ancora (1983) e diverse altre raccolte di racconti. Il primo film arriva nelle sale nel 1975 e dà vita a una vera e propria saga, con un totale di dieci pellicole diverse, che fanno diventare il personaggio di Fantozzi parte dell’immaginario di massa degli italiani.

“A due anni dalla scomparsa del suo creatore, il personaggio di Fantozzi è sempre con noi” commenta Marco Taddei. “Abbiamo scelto i brani da leggere seguendo tre grandi filoni delle sue disavventure: al lavoro, in famiglia e in vacanza”.

Come prevede la formula della rassegna, che è stata curata nel suo complesso da Giorgio Gallione, il pubblico avrà la possibilità di abbinare i reading a un pasto veloce grazie al lunch box (panino a scelta e bottiglietta d’acqua), disponibile presso il Lounge Bar della Corte.