Home Cultura Cultura Genova

Genova, Lunaria Teatro in streaming con Andrea Benfante

0
CONDIVIDI
Giuseppe Marzari, un uomo in frac

Lunaria a Levante. Il 18/4 torna “Giuseppe Marzari, un uomo in frac” con Andrea Benfante. Appuntamento alle ore 16 in diretta streaming sulle pagine Facebook di Lunaria Teatro, GOA Magazine e Good Morning Genova.

La rassegna al Teatro Emiliani “Lunaria a Levante” prosegue, domenica 18 aprile, con quello che è ormai un grande classico della produzione di Lunaria, “Giuseppe Marzari, un uomo in frac”, con il poliedrico Andrea Benfante nei panni dell’indimenticato attore dialettale genovese.

Comico, umorista e macchiettista, negli anni ’50 e ’60 Giuseppe Marzari fu il solo a reggere il confronto con Gilberto Govi, quanto a popolarità: celebri, ed esilaranti, gli sketch radiofonici dello “scio Ratella”, l’alter ego con cui Marzari, all’interno storico programma radiofonico “Il Bazar del mugugno”, inscenava un’infinita girandola di siparietti e situazioni che hanno accompagnato i genovesi fino ai giorni nostri, sbattendo loro sulla faccia difetti e ridicolezze senza lasciar alcun segno tangibile, se non quello di un sorriso.

Quadretti familiari, tifoserie di stadi scalcinati, comicissime conversazioni telefoniche tra lavoranti e clientela, ubriaconi pittoreschi e mestieri tra i più disparati: queste le macchiette predilette da Marzari, delle quali, tuttavia, non restano oggi che poche registrazioni audio. Rari reperti scovati nelle teche Rai da Cesare Viazzi, storico inviato della tv di stato e direttore della sede regionale a cavallo degli anni ’80 e ’90, che all’attore dedicò la biografia “Marzari, un uomo in frac” (De Ferrari Editore, 2010) alla quale lo spettacolo di Lunaria si ispira, con la regia di Daniela Ardini e le scene di Giorgio Panni e Giacomo Rigalza.

“Giuseppe Marzari, un uomo in frac” sarà trasmesso domenica 18 aprile alle 16 in diretta dal Teatro Emiliani sulle pagine Facebook di Lunaria Teatro, GOA Magazine e Good Morning Genova, secondo la formula dello streaming gratuito con offerta libera. Maggiori informazioni sul sito di Lunaria www.lunariateatro.it