Home Politica Politica Genova

Euroflora, Candia, Pastorino e Sansa: Chiediamo trasparenza a Comune e a Porto Antico

0
CONDIVIDI
Euroflora, Candia, Pastorino e Sansa: Chiediamo trasparenza a Comune e a Porto Antico
Euroflora, Candia, Pastorino e Sansa: Chiediamo trasparenza a Comune e a Porto Antico

Lo scorso giovedì 9 maggio il Consigliere Regionale Ferruccio Sansa (Lista Ferruccio Sansa Presidente), a nome anche dei Consiglieri Regionali Selena Candia (Lista Ferruccio Sansa Presidente) e Gianni Pastorino (Lista Linea Condivisa), ha fatto richiesta di accesso agli atti presso la società Porto Antico S.p.a., partecipata dalla Regione, per avere i dati dei biglietti della manifestazione “Euroflora 2022” acquistati dalle varie società municipalizzate.

«Si tratta di biglietti venduti a prezzo pieno e di dati che avrebbero fornito un elemento di chiarezza e trasparenza sulla manifestazione stessa – dichiarano Candia, Pastorino e Sansa – Dopo aver avuto rassicurazione che i dati ci sarebbero arrivati il giorno dopo, in realtà non ci sono mai arrivati e ci sono stati negati, come ci è stata negata una risposta telefonica da parte del Presidente del Porto Antico, il dottor Mauro Ferrando, che, ripetutamente chiamato, si è sempre negato.

Abbiamo dunque dovuto scrivere al dottor Federico Diomeda, responsabile per la società dell’anticorruzione e trasparenza dei dati, a cui abbiamo ricordato la responsabilità oggettiva a carico dello stesso qualora non ci venga fornito in tempo utile tale risposta. Passate 24 ore non abbiamo ancora ricevuto risposte. Attenderemo ancora due giorni, fino a giovedì, prima di intraprendere le iniziative legali previste dalla legge per avere dei dati chiari. Dati che abbiamo tutto il diritto di chiedere in quanto Consiglieri Regionali e, soprattutto, rientra nella nostra attività di sindacato ispettivo.

Se non ci sono problemi a riguardo non si capisce bene tutta questa titubanza a fornire dei dati che dovrebbero valorizzare la riuscita dell’iniziativa. Evidentemente abbiamo toccato un nervo scoperto della “roboante” pubblicità di cui si circonda il sistema Bucci in questa città».