Home Cronaca Cronaca La Spezia

Condizioni meteo proibitive, per un soccorso interviene l’elicottero della Guardia Costiera

0
CONDIVIDI
L'elicottero della Guardia Costiera

L’elicottero è intervenuto per un’evacuazione medica di emergenza dall’Isola d’Elba

Nonostante gli oltre 3 metri d’onda e i quaranta nodi di vento, la Motovedetta della Guardia Costiera CP 892 è salpata da Portoferraio in direzione Piombino per effettuare un trasporto medico d’urgenza.

L’intervento, operato su richiesta del 118 e dell’Ospedale Civile di Portoferraio si è reso necessario a causa delle gravi condizioni di salute di un paziente, ritenute dal personale sanitario non affrontabili localmente, nonché delle proibitive condizioni di vento e mare, che hanno impedito il trasferimento sia con l’elisoccorso Pegaso sia con le unità navali impiegate nel servizio di linea.

Tuttavia, una volta che la motovedetta CP 892 superava il Capo della Vita (località Cavo), l’aggravarsi delle condizioni meteomarine nel Canale di Piombino inducevano il personale medico, presente a bordo della motovedetta, a richiedere di non procedere oltre e di rientrare nel porto di Portoferraio, per evitare il peggioramento delle già gravi condizioni di salute del paziente.

Giunta la motovedetta in porto a Portoferraio, il paziente veniva quindi riportato nel locale nosocomio, da dove più tardi veniva imbarcato a bordo dell’elicottero della Guardia Costiera AW 139, velivolo in grado di affrontare le pessime condizioni meteorologiche, facente base a Sarzana (SP) presso il 1° Nucleo Aereo della Guardia Costiera e medicalizzato all’uopo con personale militare sanitario reso prontamente dalla vicina dalla Marina Militare e in forza alla vicina base Elicotteri di Luni. Il malcapitato veniva quindi trasportato presso la base dell’Aeronautica di Grosseto ove giungeva alle ore 22.00 e successivamente trasportato presso l’ospedale di Grosseto.

 

La complessa e delicata attività è stata coordinata dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Livorno (2° MRSC) in raccordo con la Prefettura di Livorno.