Home Consumatori Consumatori Genova

Aumenti pedaggi autostrade: sabato e domenica presidio Lega a caselli A12 Nervi e La Spezia

0
CONDIVIDI
A7 altezza Bolzaneto

“Ancora una volta il Governo delle tasse e della disoccupazione colpisce il lavoro con una serie di aumenti di fine anno che certamente non sono stati il migliore dei regali possibili per le festività”.

Lo ha dichiarato oggi il coordinatore Federale del Movimento Giovani Padani Andrea Crippa.

“Tra i vari aumenti imposti d’imperio da Padoan e Delrio – ha aggiunto Crippa – uno dei più scellerati è stato quello che ha aggravato il costo dei pedaggi autostradali. Di qui l’iniziativa federale di protesta. Il Movimento Giovani Padani ha deciso di essere presente in almeno un casello per ogni Regione in questo fine settimana, per dire no all’ennesimo balzello contro pendolari ed autotrasportatori”.

L’iniziativa sarà quindi portata avanti anche dai giovani leghisti della Liguria, che saranno presenti presso casello autostradale di Genova Nervi (sabato ore 15) e di La Spezia-S. Stefano Magra (domenica ore 11).

“In un sistema economico sempre più complesso, con meno posti di lavoro e più precarietà occupazionale, in cui diventa necessario per molti spostarsi ogni giorno – ha spiegato il coordinatore dei Giovani Padani della Liguria Fabio Bozzo – è inaccettabile che il Governo aggravi la situazione in favore delle società concessionarie.

Gli aumenti autostradali, che toccano punte del +52% (Aosta-Monte Bianco), graveranno ovviamente in modo pesantissimo anche sul comparto turistico del Paese, strutturalmente connesso agli spostamenti, e con probabili ricadute occupazionali vista l’importanza del settore per il sistema economico ligure ed italiano.

Il lavoro è, insieme al tema sicurezza, una delle emergenze fondamentali del momento presente: i Governi degli ultimi anni hanno miseramente fallito su questo fronte ed è da qui che come Giovani della Lega vogliamo cominciare la nostra campagna elettorale per un Paese diverso, in cui lavorare non sia una colpa da punire, ma una libertà da incentivare”.