Home Sport Sport Savona

Attilio Viviani vince in Gabon

Alla Tropicale Amissa Bongo in gara tre italiani. Oltre al vincitore della prima tappa Attilio Viviani ci sono anche Nicola Minali e Leonardo Bonifazio che per tanti anni nelle categorie giovanili ha corso per i colori dell'AS Andora di Renato Borile.

0
CONDIVIDI
Viviani vince a Ebolowa

EBOLOWA – Inizio col botto per Attilio Viviani al Giro del Gabon. Fratello del più celebre Elia, Attilio Viviani ha festeggiato infatti ieri con la vittoria nella prima frazione della Tropicale Amissa Bongo, la corsa a tappe che apre la stagione ciclistica africana e che lo scorso anno ha visto il successo del ciclista ligure e ponentino Niccolò Bonifazio.

Per Attilio si tratta del secondo successo da professionista: aveva già vinto in Belgio, al debutto nella massima categoria nel 2019, durante lo stage con la Codifis, che l’ aveva subito ingaggiato per la stagione 2020, insieme al fratello.
Al traguardo di Ebolowa Viviani ha preceduto in volata il francese Lorenzo Manzin e l’eritreo Beniyam Ghirmay.

In gara in Gabon a difendere i colori azzurri, oltre a Viviani, ci sono anche Nicola Minali e Leonardo Bonifazio che per tanti anni nelle categorie giovanili ha corso per i colori dell’AS Andora di Renato Borile.

Oggi è in programma la seconda tappa da Bitam ad Oyem di 107 chilometri, quasi del tutto pianeggiante, con tre sprint intermedi e tre traguardi della montagna.

Questo l’ ordine d’arrivo: 1) Attilio VIVIANI Cofidis) in 3 ore 33′ 57”; 2) Manzin (Total Direct Energy); 3) Ghirmay (Nippo Delko One Provence); 4) Gaudin; 5) Mulubrhan; 6) Cabot; 7) Levasseur; 8) Tesfatsion; 9) Regigui; 10) Riccardo MINALI, tutti con lo stesso tempo del vincitore.

Classifica Generale: 1) Viviani; 2) Yamane a 3”; 3) Manzin a 4”; 4) El Arbaoui; 5) Mugisha a 5”; 6) Ghirmay a 6”; 7) Gaudin a 10”; 8) Mulubrham; 9) Cabot; 10) Levassuer a 10”; 13)MINALI a 10”; 75) Leonardo BONIFAZIO a 26”.

Classifica a punti: 1) VIVIANI, 30; 2) Manzin, 27; 3) Ghirmay, 25; 4) Gaudin, 23; 5) Mulubrhan, 21; 10) MINALI, 11.
PAOLO ALMANZI