Home Cronaca Cronaca Genova

Ancora diverse denunce a Genova per inosservanza decreto

0
CONDIVIDI
Genova Quarto, posto di blocco (foto di repertorio)

La polizia è impegnata nel far rispettare le regole anti-contagio. Ma c’è ancora chi viola il decreto e viene denunciato. Ecco i casi più significativi:

09.50  Piazza del Roso:  Le volanti della Questura hanno pizzicato un 23enne senegalese che gironzolava nervosamente per la piazza guardandosi continuamente intorno.

Insospettiti dalla sua agitazione lo hanno controllato scoprendo così che nascondeva alcuni involucri di cocaina (circa 2 grammi).

Doppia denuncia per lui (lo spaccio non rientra tra le cause di giustificazione).

13.30 Via Giotto: I poliziotti dell’U.P.G. hanno intercettato, a spasso per le vie genovesi, due albanesi di 33 e 36 anni che, si sono detti ignari della disposizione ministeriale che vieta di uscire di casa a causa dell’emergenza sanitaria globale hanno pensato bene di uscire per un semplice caffè con i bar chiusi.

15.00 Vico Amandorla: Le pantere della Questura hanno individuato e poi denunciato, nei vicoli genovesi, 3 uomini che avevano deciso di scendere in strada per bere e fumare in compagnia di amici. Per loro è scattata la denuncia.

17.40 Via Cantore Le volanti della Questura hanno denunciato un 21enne rumeno, residente a Pegli ma a spasso per le vie di Sampierdarena, il quale ha dichiarato di essere autorizzato fino alle 18 a gironzolare per la città.

22.25 Piazza Matteotti Una pattuglia dell’U.P.G ha fermato in Piazza Matteotti un 31enne genovese che ha dichiarato di essere in strada per recarsi a lavoro in un supermercato della zona.

Fin qui tutto bene, se non fosse che i poliziotti hanno controllato la veridicità della sua dichiarazione scoprendo così che l’uomo era in congedo per malattia dal 20 al 27 marzo. Per lui è scattata la denuncia.

Ore 23.20 Via Canevari  Un 33enne marocchino è stato sorpreso da una volante dell’U.P.G. durante una passeggiata serale.

L’uomo ha dichiarato di essere uscito per comprare sigarette. Peccato però che dalla sua residenza al luogo in cui è stato “pizzicato” passassero circa 3 chilometri e durante il tragitto vi fossero numerose rivendite di tabacchi h24.

#iorestoacasa