Home Consumatori Consumatori Genova

Acquario,si è chiuso il V Meeting Inernazionale ONAOO

0
CONDIVIDI
Acquario,si è chiuso il V Meeting Inernazionale ONAOO

Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva, dedicato a una riflessione sulle sfide del mercato e soprattutto alla diffusione della cultura olearia attraverso assaggiatori professionali

Momento centrale del meeting è stata la consegna dei premi Frantoi dell’Arte ONAOO – Teatro Pubblico Ligure 2019, avvenuta venerdì 24 gennaio nella scenografica Sala dei Delfini. Fra gli applausi del pubblico numeroso e attento, i premi sono stati assegnati all’imprenditore Augusto Cosulich e all’attore Dario Vergassola. Alla cerimonia erano presenti l’assessore regionale all’Urbanistica Marco Scajola e il Commissario Straordinario dell’Agenzia in Liguria Pier Paolo Giampellegrini, Ad introdurre la serata è stato Lucio Carli, presidente dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva, che per la prima volta ha organizzato a Genova il Meeting degli assaggiatori, arrivato alla quinta edizione con una sessantina di partecipanti provenienti da tredici nazioni. Scajola ha parlato dell’eccellenza dell’olio ligure e Giampellegrini ha aggiunto: “I prodotti liguri sono i veri ambasciatori del nostro territorio. Attraverso l’olio promuoviamo la nostra identità. Spero di avere al mio fianco ONAOO ogni volta che andrò all’estero a parlarne”. Sergio Maifredi, presidente di Teatro Pubblico Ligure ha ricordato la genesi di un riconoscimento nato nel 2008 per collegare cultura ed economia con un progetto legato alla Liguria e al Mediterraneo. Il giornalista Massimo Minella ha ricordato l’Expo internazionale organizzata a Genova nel 1914, in cui l’olio extravergine di oliva era esposto nel padiglione dedicato all’igiene marinara come esempio di salubrità, e ha parlato dell’ulivo come “simbolo di forza e di pace”.

Cosulich e Vergassola hanno ritirato il premio, una scultura in pietra, legno d’ulivo e ferro che rappresenta un frantoi, realizzata da Paola Leone Morettini, che ha assistito alla serata tra il pubblico dove ugualmente era presente il fondatore di Esaote Carlo Castellano. Augusto Cosulich ha ricevuto la prima edizione del Premio Speciale Internazionale Frantoi dell’Arte, per il suo impegno a favore dell’impresa del mare.  “Con me – ha dichiarato Cosulich – siamo arrivati alla quinta generazione della Fratelli Cosulich e io, come i miei predecessori, sto investendo pe fare crescere l’Italia ed evitare che i nostri figli vadano a lavorare all’estero. Ringrazio per questo premio che mi riporta alla radici di una città e di una regione di cui sono innamorato da sempre”. È stato Maifredi a consegnare il Premio Frantoi dell’Arte 2019 a Vergassola, da anni coinvolto in un’opera capillare di promozione del territorio a fianco di Teatro Pubblico Ligure. L’attore ha ricordato la fatica dei coltivatori liguri ricorrendo alla memoria personale. Originario della Cinque Terre, è cresciuto in una famiglia che raccoglieva le olive e curava le coltivazioni, con un rispetto per il territorio di cui ha sottolineato la fragilità, unendosi all’allarme internazionale per la sua difesa.

ONAOO è la prima Scuola d’assaggio di oli d’oliva al mondo. Presieduta da Lucio Carli, è stata fondata a Imperia nel 1983 con il duplice obiettivo di formare assaggiatori professionisti e diffondere l’arte dell’assaggio presso un pubblico più ampio, affinché qualunque consumatore diventi lui stesso il primo valutatore della qualità. I tre giorni di full immersion offrono un’occasione di aggiornamento e di confronto con la sempre più presente componente internazionale del settore.

Non è un caso se ONAOO nel 2009 ha inaugurato un percorso comune con Teatro Pubblico Ligure e il suo direttore Sergio Maifredi, attraverso l’ideazione del progetto “Frantoi dell’Arte – Spremiture di idee”, che unisce economia e cultura. Il frantoio da sempre è luogo di incontro, agorà per una comunità che trasforma l’olio in logos, parola, dialogo. Il Premio Frantoi dell’Arte è stato assegnato a Gino Paoli, Oliviero Toscani, Peter Stein, Giampaolo Sodano e Fabrizia Cusani, Maria Flora Monini.