ARCHIVIO

Vicoli deserti, chiuso per sempre il 20% di botteghe

[caption id="attachment_145999" align="alignleft" width="225"] Desertificazione del centro storico: negli ultimi 7 anni chiuso il 20% delle botteghe, raddoppiano gli ambulanti[/caption]

GENOVA. 15 GEN. Chiusi per crisi e tasse, ma anche per microcriminalità e abbandono delle istituzioni. Il preoccupante dato emerge da un'analisi di Confcommercio e riguarda, in particolare, le botteghe del centro storico genovese, che hanno abbassato per sempre le saracinesche. Negli ultimi sette anni, nei vicoli ha chiuso il 18,2 per cento dei negozi, pari a 79 esercizi commerciali. Significa che la desertificazione dei caruggi continua, senza che il Comune e le altre istituzioni riescano a fare granché.

In tutta Genova, invece, ha chiuso il 3,1 per cento dei negozi. Dal levante al ponente cittadino sono stati 301: il dato risulta in linea con la media delle chiusure a livello nazionale.

A fronte delle chiusure delle botteghe, è raddoppiato il numero degli ambulanti.