ARCHIVIO

Varazze, lavori strada tagliafuoco a Monte Grosso

SAVONA. 11 GEN. Nella seduta del 30 dicembre 2016 la giunta del Comune di Varazze ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione della strada tagliafuoco lungo la via che porta alla sommità del Monte Grosso, dove si trova il Santuario della Madonna della Guardia.

Il progetto da 163.000 euro complessivi prevede la realizzazione di una fascia di rispetto ai lati della strada di circa 10 metri di cui 5 metri di disboscamento a raso e 5 metri di diradamento, questo permetterà il passaggio dei mezzi di soccorso e antincendio in sicurezza in caso di interventi.
Sempre per quel che riguarda la sistemazione della strada sono previste la stabilizzazione del fondo, che rimarrà comunque sterrato, il livellamento e la sagomatura della stessa e la realizzazione di alcune piazzuole di interscambio per i mezzi di soccorso.

Molto importante per la realizzazione del intervento sono una serie di opere necessarie alla regimazione delle acque piovane che in caso di forte intensità potrebbero creare seri danni alla strada tagliafuoco e renderla così impercorribile in caso di necessità; per evitare ciò è prevista la posa in opera di canalette trasversali a livello superficiale necessarie  alla raccolta e allo smaltimento delle acque e la realizzazione di alcuni inghiottitoi che da monte avranno la funzione di convogliare le stesse e portarle a valle della strada.

Infine è prevista la realizzazione di due aree di atterraggio per l’elisoccorso realizzate nel pieno rispetto dell’ambiente circostante e dei luoghi.
“Siamo oramai all’ultima fase progettuale necessaria prima di poter mettere a gara questo progetto importantissimo - commenta l’Assessore ai Lavori pubblici del Comune di Varazze l’ing. Pierfederici Luigi - con la realizzazione di queste opere avremo la possibilità di intervenire in modo più agevole e sicuramente in tempi più rapidi nel caso in cui un incendio si dovesse propagare sul monte Grosso che dopo tanti anni sta tornando finalmente a rinverdire regalandoci una delle ambientazioni più spettacolari del nostro territorio”.

“Le tempistiche necessarie alla realizzazione dell’ultima fase progettuale, quella esecutiva - precisa l’assessore - sono legate anche ad autorizzazioni da parte di altri enti; siamo comunque fiduciosi e convinti che entro l’anno appena iniziato saremo in condizione di appaltare le opere e iniziare così questo intervento tanto importante e necessario”.