ARCHIVIO

"RIVIERA TRASPORTI" CONCORDATO PREVENTIVO ANTIFALLIMENTO

[caption id="attachment_134650" align="alignleft" width="300"] Riviera trasporti[/caption]

IMPERIA 25 AGO. “Riviera Trasporti” verso il concordato preventivo per evitare il fallimento: lo ha deciso oggi l’assemblea dei soci, che ha confermato la disdetta della contrattazione di secondo livello con i dipendenti che vale fino a 300 Euro lordi in meno in busta paga.

L'azienda di trasporto pubblico della provincia di Imperia rischia di chiudere il 2014 con un buco di 3 milioni di Euro. La misura più dolorosa è dunque quella che a fine mese i circa 370 lavoratori dell’azienda del Tpl dell'imperiese dovranno dunque rinunciare a 200-300 Euro lordi in busta paga.

I sindacati hanno annunciato battaglia legale. “Daremo la disdetta della parte normativa a quegli accordi per cui è stata disdetta la parte economica - afferma Federico Diletto, portavoce del Faisa Cisal - da domani, dunque, non rispetteremo più gli accordi aziendali, tra i quali, ad esempio, l'emissione dei biglietti a bordo”.

I sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl trasporti, dai quali il Faisa Cisal si era recentemente staccato, sono riuniti per studiare la situazione. Concordata per domani sera l’assemblea dei lavoratori.

Marcello Di Meglio