Home Economia Economia Genova

Toti, Rixi, Fiom e Comunisti contro disastri Pd: domani Genova si ferma per Ilva

30
CONDIVIDI
Rixi accanto a Manganaro (Fiom) e lavoratori

GENOVA. 8 OTT. Toti, Rixi, Berrino, Bucci: “Pacta servanda sunt, no esuberi”. Non solo tutto il centrodestra genovese dalla parte dei lavoratori e dei sindacati compatti contro il disastro del Governo a trazione Pd.

Anche il Partito Comunista, per altri versi, si schiera unito dalla parte giusta per difendere il lavoro a Genova ed ha annunciato di voler scendere in piazza domani per sostenere i compagni di Ilva. Insieme a loro, ci saranno pure i lavoratori di altre fabbriche, i portuali genovesi ed una delegazione di vigili del fuoco, che hanno annunciato di partecipare al corteo in divisa.

“Il Partito Comunista esprime solidarietá ai lavoratori di Ilva – spiegano i militanti – e sostiene la loro lotta contro il piano della nuova proprietà, che a Genova prevede 599 esuberi. Riteniamo che l’unica soluzione per salvaguardare i posti di lavoro sia la nazionalizzazione senza indennizzo di Ilva e di tutta la grande industria nazionale. Dove c’è profitto non ci può essere lavoro”.


L’assemblea dei lavoratori è stata convocata dai sindacati per domani alle 5 a Cornigliano. Durerà fino alle 7. Poi il corteo uscirà dai cancelli e si muoverà verso Sampierdarena (ore 8-8,30) attraversando la città fino alla sede della Prefettura in via Roma. L’arrivo è in programma alle 10-10,30. Si prevede traffico in tilt.

I delegati genovesi di Fim Cisl e Uilm andranno all’incontro convocato a Roma presso il ministero dello Sviluppo economico. Quelli della Fiom, sindacato maggioritario nella fabbrica Ilva di Cornigliano, invece non ci saranno: “A queste condizioni, abbiamo deciso di rinunciare all’incontro per protesta. Non vogliamo più farci prendere in giro. I patti vanno rispettati e il Governo deve fare gli interessi dei lavoratori. No agli esuberi”.

Se la capogruppo regionale del M5S Alice Salvatore al momento sul caso Ilva tace, il collega a Tursi, Luca Pirondini, ha dichiarato: “600 esuberi? Questi sono pazzi”.

“È inaccettabile – ha spiegato l’assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi – che per l’Ilva si parli di 600 esuberi ancora prima che parta il confronto sul piano industriale. La nuova proprietà tenga conto degli accordi precedenti e del potenziale dello stabilimento di Genova. Mantenere gli impegni, governo e nuova proprietà in primis! Ci aspettiamo al più presto che venga convocato un incontro. Genova, e in particolare il quartiere di Cornigliano, ha dato tanto per lo sviluppo industriale dell’acciaio, aprire una discussione seria credo sia il minimo che si possa pretendere. Pacta servanda sunt”.

 

30 COMMENTI

    • Bene appunto: Nonostante la Cgil, anche quelli della Fiom, i lavoratori di Ilva ed i portuali genovesi sembra che ora abbiano finalmente capito e non stiano più col Pd di Renzi.

    • ma la FIOM…è il SINDACATO CGIL…DELLA METALLURGIA…I SINDACATI PER OGNI CATEGORIA DI LAVORATORI…HA LA SUA SIGLA…LA METALLURGIA HA LA FIOM…MA E SEMPRE CGIL…QUINDI….PD…

    • Patrizia Lucchese non esiste un rapporto assoluto tra Cgil e PD, non solo per l’autonomia del sindacato ma perche’ molti iscritti alla Cgil non sono ne’ tesserati ne’ votanti del PD (e viceversa)

    • Infatti, i vertici di Cgil appoggiano il Pd di Renzi. Mentre gli iscritti ed i vertici della Fiom, che fa parte della Cgil, ormai sembrerebbe non più. Perché hanno capito. I lavoratori non sono mica scemi.

    • Nn quadra certamente e come sempre pagheranno i lavoratori Dopo tavoli di lavoro(meglio chiamarli buffet) a Roma con Ilva/sindacati/politici e gravose ore di sciopero, arriveranno ad una conclusione della trattativa segretamente già concordata tempo fa

  1. Come previsto gli avvoltoi si sono gettati tutti sulla preda Che schifo!!! I vertici dell’Ilva sicuramente avranno incontrato segretamente i vertici dei sindacati e i politici genovesi per comunicare il loro piano e in qualche modo concordarlo Adesso cadono dalle nuvole e fanno il doppio gioco come sempre

    • Condizionale????Vai a vedere che fine hanno fatto TUTTI quelli che sono stati ai vertici dei sindacati Nessuno è più tornato al lavoro che faceva prima e come ringraziamento per avere preso per il …. i lavoratori occupano posti con stipendi d’oro Questi sono fatti inconfutabili Per chiudere a me la politica e i sindacati mi procurano conati di vomito

    • Andrea Caprile prova a digitare “spese pazze Regione Liguria”..vedi chi sono gli indagati e poi possiamo discutere anche sul “sesso degli angeli”…poi…

  2. FIOM contro chi? Ma finitela…ma non vedete che sono inconcludenti apposta perché qyalcuno poi..siederà sul seggiolone? Lo RIPETO per i duri:ABBASSARE LE TASSE SUL LAVORO NON LO DICONO MAI E VOI ABBOCCATE COME BUGHE!!!! SMETTERE DI TUTELARE LE …….!!

  3. Meglio tardi che mai… ma forse adesso ètroppo tardi… dove erail sindacato quando passavano tutte le leggi che smantellavano i diritti ai giovani, e poi li toglievano, in casod i crisi aziendale a chi già li aveva?

    • Matteo io nn appartengo a nessun partito e da molto tempo nn vado a votare Giuste o sbagliate le mie sono valutazioni oneste e dico che TUTTI i sindacati da molti anni nn fanno più il lavoro per il quale furono stati creati. Pensano esclusivamente ai loro interessi personali e quindi fanno il doppio gioco Lo dimostra il fatto, se ci fossero dubbi,che terminato il mandato, vanno a ricoprire incarichi ancora più remunerativi Controllare per conferma

    • infatti, confermo quanto scrivi…. riguardo al caso ilva, ora si svegliano che il piano e inaccattabile… erapalese anche a un bimbo che sarebbe stato una macelleria, pero zitti fino a quanto si è potuto….

  4. Secondo me, su lavoro e pensioni il Pd di Renzi e la Fornero hanno fatto macelleria messicana con il silenzio-assenso, se non complicità della Cgil (non della Fiom). E’ una vergogna non tutelare i diritti di chi lavora onestamente e di chi merita la pensione dopo avere lavorato onestamente per una vita. Mentre si tutelano multinazionali, banche, etc.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here