ARCHIVIO

Tossici con siringhe negli androni delle case a Certosa

[caption id="attachment_90367" align="alignleft" width="360"] Sicurezza su Facebook, i residenti di Certosa lanciano l'allarme al quartiere: fare attenzione, ci sono tossicodipendenti che si infilano nei portoni e lasciano le siringhe[/caption]

GENOVA. 12 FEB.  Sicurezza tramite Facebook: attenzione ai tossicodipendenti che si infilano con le siringhe negli androni delle case a Certosa. Prosegue il tam tam sui social degli abitanti del quartiere genovese, che si sentono abbandonati e ormai si sono organizzati così per combattere degrado e insicurezza.

Dopo le rom segnalate l'altro giorno in piazza Pallavicini, adesso vengono segnalati i tossici, che si infilano con le siringhe nei portoni.

"Io abito in Via Certosa - ha spiegato una residente - volevo segnalare che una coppia maschio e femmina italiani di circa 25/30 anni si aggira nella via forzando i portoni, per entrare nelle scale, sono stati trovati dentro al mio portone un cappuccio di una siringa,delle sigarette spente e schifezze varie. L'episodio è stato segnalato oggi ai carabinieri e si è già ripetuto parecchie volte, ma nonostante la segnalazione e il cartello appeso fuori dal portone, che indica che verranno presi provvedimenti per chi sosta all'interno del palazzo senza risiederci, loro continuano ad entrare e a fare quello che gli pare. Occorre fare attenzione".