Home Cronaca Cronaca Genova

Torna alla Dda di Genova l’inchiesta sugli anarchici genovesi

0
CONDIVIDI
Il bancomat in spianata Castelletto

Ritorna a Genova l’inchiesta che vedeva coinvolto l’anarchico genovese Giuseppe Bruna.

Bruna era stato arrestato a dicembre dalla Dda di Torino per l’attentato allo sportello bancomat delle poste posto dietro spianata Castelletto nel 2016.

A deciderlo è stato il tribunale del Riesame di Torino dopo aver stabilito che non ci fossero, per Bruna, gravi indizi di colpevolezza per l’ipotesi di associazione sovversiva.

L’indagine è così tornata nelle mani di Federico Manotti, sostituto procuratore della DDA genovese.

Gli investigatori hanno avviato le indagini del caso per comprendere chi sia il complice che, insieme a Bruna, sistemò l’ordigno.

Per l’attentato al bancomat, venne  utilizzata una tanica di benzina da 5 litri, riempita di liquido infiammabile. Inoltre il sistema era dotato di una sveglia analogica, alimentata da una batteria da 9 volt collegata a un circuito elettrico composto da un bulbo di plastica e più fiammiferi.

Secondo gli esperti se il piano avesse funzionato, ci sarebbe alzata una fiammata alta una decina di metri.

Bruna era già in carcere a Pavia a causa dei pacchi bomba inviati ai magistrati dell’inchiesta Scripta Manent e di quella che aveva portato allo sgombero del’Asilo Occupato.

Bomba disinnescata alle Poste di Castelletto, pista antagonisti

Terrorismo, anarchici Fai rivendicano sul web 10 attentati: uno anche a Genova