ARCHIVIO

Tolleranza zero, Amiu: biciclettaio deve pagare multa

[caption id="attachment_189079" align="alignleft" width="339"] Il cartello di protesta appeso sabato sera dallo storico bicilettaio di Sottoripa, Amiu ribadisce la tolleranza zero contro i commercianti del centro storico genovese: deve pagare la multa[/caption]

GENOVA. 1 FEB. Amiu oggi ha confermato la tolleranza zero contro i commercianti dei caruggi. L'azienda partecipata dal Comune ha ribadito che lo storico biciclettaio di Sottoripa, circondato da un'immondezzaio da anni come gli altri residenti e commercianti del centro storico, deve pagare la multa inflitta dai suoi gendarmi. Indietro non si torna.

Secondo la versione riferita dall'azienda partecipata dal Comune, però, la sanzione sarebbe di 154,67 euro, più il costo (non detto) per la bonifica dei contenitori del vetro in cui il biciclettaio di Sottoripa sabato aveva incautamente gettato i quattro pezzi di lampade al neon, anche perché non informato da Amiu che lì non li poteva buttare.

Solo ora Amiu gli ha ricordato che le lampade al neon contengono mercurio e pertanto devono essere trattate come rifiuto speciale.

Amiu oggi ha riferito anche che il biclettaio è stato addirittura inseguito nel negozio dai gendarmi, i quali lo avrebbero minacciosamente avvertito di pesanti multe, appunto fino a 1.200 euro, se avesse spezzato e buttato nel contenitore del vetro le altre lampade al neon rimaste dietro al bancone.

Il biciclettaio, quindi, dopo 39 anni di attività lavorativa e di pagamento di salate gabell, si sarebbe risentito del comportamento dei gendarmi e li avrebbe allontanati dal negozio, credendo che la multa fosse di 1.200 euro.

Il qui pro quo sulla cifra della sanzione, più quella ancora ignota per la bonifica, non cambia la sostanza del grave episodio, che contribuisce alla desertificazione commerciale dei vicoli e quindi della sicurezza dei cittadini. Soprattutto quando accanto e intorno al biciclettaio insistono sporcizia, degrado e immigrazione violenta. Le istituzioni, in questi casi, spesso si girano volentieri dall'altra parte.